Rivendicazione dell'Isis

Strage di Berlino, è caccia all'attentatore. L'autista polacco cercò di fermarlo

Tra i dispersi risulta esserci anche una giovane italiana, Fabrizia Di Lorenzo, 31enne di Sulmona, il cui cellulare è stato ritrovato sul luogo dell'attacco

Redazione
Strage di Berlino, è caccia all'attentatore. L'autista polacco cercò di fermarlo

Il luogo della strage. Da bild.de

Prosegue la caccia all'uomo in Germania e in tutta Europa, dopo la strage di lunedì sera a Berlino, quando un camion è stato lanciato sulla folla di un mercatino di Natale, facendo almeno 12 morti e 48 feriti. Tra i dispersi figura anche una giovane italiana, Fabrizia Di Lorenzo, 31enne di Sulmona, il cui cellulare è stato ritrovato sul luogo dell'attacco. L'attentato è stato rivendicato dai jihadisti del gruppo dello Stato islamico attraverso l'agenzia Amaq. Il richiedente asilo pachistano che era stato arrestato dopo la strage perché sospettato di esserne l'autore, è stato rilasciato dalle autorità tedesche. "I test forensi eseguiti finora non hanno fornito indicazioni sulla presenza dell'accusato nell'abitacolo del camion durante l'attacco", ha reso noto la procura.

L'autore della strage dunque resta ancora in fuga. "Una o più persone", "con un'arma", probabilmente quella usata per uccidere l'autista polacco del camion, ha precisato il capo della polizia di Berlino Klaus Kandt, non escludendo dunque la possibilità della presenza di un commando. Quanto alle vittime, sei sono state identificate come cittadini tedeschi. Dei 48 feriti, 14 stanno lottando tra la vita e la morte, secondo il ministero dell'Interno. L'allerta in città resta alta e le misure di sicurezza sono state rafforzate. Così come, con il passare delle ore, è aumentata la pressione politica sulla cancelliera Angela Merkel, che martedì ha confermato la sua linea sull'accoglienza dei clandestini in Germania.

Emergono intanto alcuni particolari su quanto accaduto all'interno della cabina del tir: l'autista polacco "avrebbe lottato fino all'ultimo" con l'attentatore e sarebbe stato "ancora in vita, nella cabina, al momento in cui il mezzo ha investito la folla". Sul suo corpo sono state ritrovate "ferite da taglio" rivela mercoledì la Bild, citando fonti investigative. "Ci deve essere stata una lotta", ha spiegato uno degli inquirenti al tabloid. Il terrorista "ha colpito più volte con un coltello" il 37enne polacco cui aveva sottratto il mezzo, il quale "si sarebbe aggrappato al volante" cercando di deviare il veicolo. Quando il tir si è fermato, l'attentatore avrebbe ucciso l'autista con un colpo di pistola e sarebbe scappato, conclude il tabloid tedesco.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La Corea del Nord pronta ad attaccare gli USA
il ritorno della guerra fredda

La Corea del Nord pronta ad attaccare gli USA

La Guardia Costiera libica: "Le Ong aiutano gli scafisti"
dicono apertamente ciò che l'italia nasconde

La Guardia Costiera libica: "Le Ong aiutano gli scafisti"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU