Ora è intervenuta la prescrizione

Hotel Rigopiano: politici del PD a processo per corruzione, poi assolti

La Procura di Pescara ipotizzava che gli amministratori del Partito Democratico avessero approvato una delibera riguardante la struttura in cambio di denaro e assunzioni per i raccomandati

Redazione
Hotel Rigopiano: politici del PD a processo per corruzione, poi assolti

Foto da internet

L’Hotel Rigopiano, travolto da una valanga, nel recente passato era finito al centro di un'inchiesta su corruzione e abusivismo edilizio che vedeva coinvolti esponenti del Partito Democratico. La vicenda inizia nel 2008 quando l’amministrazione comunale, attraverso una delibera, procede a “sanare” una presunta occupazione di suolo pubblico. La Procura di Pescara ipotizza che ciò sia avvenuto in cambio di denaro e posti di lavoro. La struttura, un tempo casolare adibito ad albergo, s’avviava a diventare un quattro stelle.

Finirono sotto processo sette persone tra cui il sindaco di Farindola dell’epoca Massimiliano Giancaterino e il suo successore Antonello De Vico oltre a due ex assessori, Ezio Marzola e Walter Colangeli, e all’ex consigliere Andrea Fusaro. Secondo l'ipotesi del Pm, come riporta Tiscali, i politici Giancaterino e De Vico avrebbero approvato la delibera in cambio della "promessa di un versamento di denaro destinato al finanziamento del partito", ovvero il PD. Mentre consiglieri e assessori avrebbero acconsentito al via libera in cambio di "assunzioni preferenziali per i propri protetti". In primo grado lo scorso novembre è arrivata l’assoluzione perché “il fatto non sussiste”, poi è intervenuta la prescrizione. Dunque non ci sarà alcun processo d’appello.  

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Evasione fiscale: a Beppe Grillo dieci milioni di euro in nero
Ecco il bunker della 'Ndrangheta. Era il nascondiglio dei latitanti
scoperto nelle campagne di Rosarno, Reggio Calabria

Ecco il bunker della 'Ndrangheta. Era il nascondiglio dei latitanti


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU