Foibe: si costituisce nuovo “Comitato familiari vittime giuliane, istriane, fiumane e dalmate”

A Roma nel nome di Norma Cossetto

Domani pomeriggio convocazione a Palazzo Madama (Sala Nassirya, ore 15.30) di alcuni familiari e rappresentanti degli esuli e dei cugini della giovane torturata, violentata e uccisa nel 1943 in Istria da partigiani comunisti titini, per dare nuovo impulso alla memoria delle vittime

Giuseppe Brienza
A Roma nel nome di Norma Cossetto

Una locandina del "Giorno del Ricordo per le Vittime delle Foibe"

Domani a Roma, alle ore 15.30, nella Sala Nassirya di Palazzo Madama (Senato della Repubblica) si terrà la presentazione di un nuovo “Comitato familiari delle vittime giuliane, istriane, fiumane e dalmate. All’iniziativa, alla quale è prevista la partecipazione del presidente dei senatori di Fratelli d'Italia Luca Ciriani, del presidente pro-tempore del Comitato Piero Tarticchio (grafico-pittore, scrittore e giornalista, nato nel 1936 a Gallesano - Pola, in Istria) e della vice-presidente pro-tempore Marisa Brugna (nata ad Orsera d’Istria nel 1942 e autrice del libro “Memoria Negata” che ripercorre le vicissitudini della sua famiglia-esule), presenzieranno anche i cugini Vittorio, Diana e Loredana di Norma Cossetto (1920-1943), la giovane italiana torturata, violentata e uccisa in Istria da partigiani comunisti titini il 5 ottobre del 1943 (la protagonista del recente film “Red Land – Rosso Istria”).

Diana e Loredana Cossetto, figlie di Giuseppe, il primo cugino di Norma e Licia Cossetto, in previsione dell’evento hanno dichiarato: “Siamo cresciuti ascoltando la storia di Norma raccontata da nostro padre e da Licia. Lui ha conosciuto bene la vicenda, essendo stato vicino alla famiglia di Norma fino al l'epilogo finale. Era andato con Licia a trovare Norma durante la sua prigionia e in seguito è stato presente alla riesumazione dei cadaveri dalla fobia di Villa Surani. Ha tagliato il filo di ferro dai polsi dell'amata cugina e di altri due. Mio padre nonostante portasse una ferita indelebile e profonda, è rimasto molto legato alla sua terra, ai suoi campi, alla sua casa... tutto perduto. Ma ora ha raggiunto i suoi cari, volendo essere sepolto a Santa Domenica dove riposa Norma, il padre di Norma, lo zio, la zia e Mario Bellini. Tutti uccisi dai partigiani titini”.

L’invito ad aderire al costituendo Comitato familiari delle vittime giuliane, istriane, fiumane e dalmate è rivolto sia agli esponenti dell'associazionismo giuliano, istriano, fiumano e dalmata già in attività, sia a tutti quei cittadini che vorranno collaborare o divenire soci fondatori o sostenitori della nuova iniziativa. A poco meno di un mese dal Giorno del Ricordo per le Vittime delle Foibe, la costituzione di una nuova realtà è pensata per contribuire a mobilitare e rinnovare, soprattutto nelle giovani generazioni, la coscienza delle persecuzioni e delle violenze subite dagli italiani durante e dopo la seconda guerra mondiale, per mano comunista.

L’evento si colloca alla vigilia della decisione, finalmente arrivata a quattro anni dal suo insediamento, del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di ospitare nuovamente nel Palazzo del Quirinale la cerimonia ufficiale del Giorno del Ricordo. Alla cerimonia, già inserita nell'agenda istituzionale del Capo dello Stato (sabato 9 febbraio 2019, ore 11.00, v. www.quirinale.it/agenda), non prenderà però parte l’Unione degli Istriani, l’organizzazione attualmente più numerosa degli esuli dall'Istria, a causa della mancata revoca delle onorificenze elargite dalla Repubblica Italiana al maresciallo Tito ed a numerosi suoi colonnelli, nel 1969.

Per l'ingresso alla riunione di domani pomeriggio in Senato è obbligatoria la registrazione alla mail ufficiostudi.fdi@senato.it e, per gli uomini, l'uso di giacca e cravatta. Per ulteriori informazioni sull’iniziativa si può scrivere alla segreteria del Comitato: comfamiliarivittimeistriane@gmail.com.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Remedello, quei dieci anni di buon governo... a guida Lega
il candidato simone ferrari fa il punto

Remedello, quei dieci anni di buon governo... a guida Lega

Quelli di Radio Radicale sono privilegiati
Radicali e radical chic… a spese pubbliche!

Quelli di Radio Radicale sono privilegiati

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"
la "teologia sbagliata" di bergoglio

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU