Vattene! Nessuno ti ferma...

L'islamico italiano: "Allah protegga Erdogan!"

Hamza Piccardo non ha alcuna intenzione di levare le tende da una società che lo coccola e lo considera persino un interlocutore valido

Alessandro Morelli
L'islamico italiano:  Allah protegga Erdogan

"La Turchia torna ad essere una grande nazione musulmana di fatto e di diritto". Queste le deliranti parole di Roberto Hamza Piccardo, tra i leader dei musulmani italiani e convinto sostenitore del dittatore Erdogan.


Piccardo è tra i fondatori dell'Unione delle Comunità ed Organizzazioni islamiche in Italia (UCOII), del Consiglio Islamico d'Italia dalla Lega Musulmana Mondiale-Italia e dal Centro Islamico Culturale d'Italia, nato per dare rappresentanza unitaria ai musulmani di fronte alla Stato italiano nel tentativo di stipulare un'intesa per il riconoscimento di diritti, tra i quali l'accesso all'8 per mille. Non solo, uno dei suoi figli è Davide Piccardo, coordinatore del Coordinamento delle Associazioni Islamiche di Milano e Monza e Brianza (CAIM) e collaboratore dell'Huffington Post nella sua filiale italiana.

Oggi scopriamo che Hamza è convinto della bontà dell'azione omicida di Erdogan e della rivoluzione con la quale sta epurando e licenziando migliaia di militari, magistrati, professori universitari, giornalisti e cittadini. Nato e cresciuto in un Paese democratico, Piccardo plaude ad una realtà statuale legata mani e piedi ad una religione che vede le libertà come un nemico, la democrazia come un rischio e la parità come un assurdo.

A questo punto diamo un consiglio a Piccardo: vai Hamza, nessuno ha intenzione di trattenerti. Il tuo modello sociale è quello della sospensione dei diritti umani? Vattene. La tua speranza è che le bambine siano date in spose a bavosi 50enni? Sloggia. Lo Stato deve applicare la sharia? Smamma! Nell'Occidente del 2016 non c'è più spazio per idiozie simili.

Sappiamo che Piccardo e i suoi accoliti non hanno alcuna intenzione di levare le tende da una società nella quale il loro brodo di cultura è tollerato, considerato valevole di ascolto, persino coccolato da gruppi politici e associazioni che così facendo lo legittimano non rendendosi conto di avere in casa il lupo, lui e il suo gruppo sanno perfettamente che le nostre regole e il tempo sono dalla loro parte. Le nostre regole le subiranno finché non saranno maggioranza, allora le norme democratiche permetteranno a chi sforna un figlio all'anno di cambiare le leggi, di rivedere le leggi, di minare la nostra società. Siamo ancora in tempo per aprire gli occhi e capire che il lupo è tra noi.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Re Giorgio: "Pago di tasca mia"
La replica di Napolitano alle polemiche sulle sue vacanze

Re Giorgio: "Pago di tasca mia"

La megamoschea di Sesto non si farà. Esulta la Lega
stoppata dalla nuova giunta di centrodestra

La megamoschea di Sesto non si farà. Esulta la Lega

Stop moschea a Sesto, "migreranno" tutti a Cinisello?
lega ancora sulle barricate nel milanese

Stop moschea a Sesto, "migreranno" tutti a Cinisello?

L'ultima mazzata della Ue: le regole autostradali che ammazzano l'impresa
ciocca: "LE NUOVE REGOLE CREANO DISOCCUPAZIONE"

L'ultima mazzata della Ue: le norme autostradali che ammazzano l'impresa


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU