L'ombra di una nuova Ustica

Volo EgyptAir, le ipotesi sul disastro tra indiscrezioni e mezze verità

I misteri sul presunto allarme incendio e sull'ultima manovra in volo. Il ministro dell'Aviazione egiziano avvalora la tesi del terrorismo. Ritrovati resti umani

Marco Dozio
Volo EgyptAir, le ipotesi sul disastro tra indiscrezioni e mezze verità

Foto ANSA

Fumo in cabina, incendio nei gabinetti, bomba, missile. Le ipotesi sul disastro del volo EgyptAir si susseguono in un vortice di indiscrezioni e mezze verità. La Cnn citando fonti egiziane parla di un allarme fumo registrato dalle apparecchiature di bordo pochi minuti prima che l’aereo scomparisse dai radar. Il sito di aeronautica The Aviation Herald pubblica i dati raccolti da “tre canali indipendenti dal sistema Acars (Aircraft communications addressing and reporting system)" su un allarme incendio forse partito da uno dei gabinetti. Il ministro della Difesa greco Panos Kammenos riferisce che l’aereo avrebbe effettuato una virata prima di precipitare nelle acque del Mar Egeo.

Per l’esercito egiziano il pilota non avrebbe mandato alcun segnale di sos. E il ministro dell’Aviazione del Cairo Sherif Fathi afferma che la probabilità che l’aereo sia stato abbattuto in seguito a un attacco terroristico è "superiore alla possibilità che si sia verificato un guasto tecnico". I ministro degli Esteri italiano Gentiloni resta cauto ma ammette che l’ipotesi terrorismo è prepotentemente sul tavolo: "Credo che il governo italiano non possa andare al di là di quello che è evidente a tutti e che il governo francese ha ripetuto in questi giorni. Cioè che al momento è difficile dare risposte certe sulle origini, ma certamente non si può escludere che si sia trattato di un attentato terroristico”.


Intanto sono stati localizzati resti umani, sedili e alcune valigie nell’area in cui si sono concentrate le ricerche. Il volo EgyptAir con a bordo 66 persone era decollato dall’aeroporto De Gaulle di Parigi mercoledì scorso per atterrare 4 ore dopo al Cairo. Al momento non risultano rivendicazioni. L’ombra di un’altra Ustica nei cieli del Mediterraneo.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo
soccorsi e portati in un campo profughi a Khoms

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo

Saviano da del mafioso a Salvini
il naufragio del pensiero

Saviano dà del mafioso a Salvini

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU