Dopo la morte del cooperante italiano

Bangladesh, gli omicidi dei fondamentalisti islamici a colpi di machete

La polizia indaga sulla morte di un medico omeopata ucciso da 3 giovani. Dall'inizio dell'anno è il dodicesimo omicidio con armi bianche attribuito a militanti islamici

Marco Dozio
Bangladesh, gli omicidi dei fondamentalisti islamici a colpi di machete

Foto ANSA

Non aveva alcuna colpa Sanaur Rahman, medico omeopatico di 60 anni ucciso a colpi di machete nell’ovest del Bangladesh. Se non quella, agli occhi degli integralisti islamici, di essere un medico omeopatico adepto della filosofia sincretisca Baul, mescolanza di principi religiosi e musicali che ha connessioni con il sufismo islamico. Dall’inizio dell’anno è il 12esimo caso di omicidio all’arma bianca che le autorità locali attribuiscono ai fondamentalisti mussulmani.

La polizia indaga in questa direzione, proprio perché le caratteristiche dell’assassinio ricalcano quelle con cui militanti di Isis o Al Qaeda hanno ucciso esponenti di minoranze religiose, professori universitari ritenuti infedeli o eretici, omosessuali e cittadini stranieri tra cui il cooperante italiano Cesare Tavella. Secondo testimoni oculari l’attacco, nel quale è rimasto gravemente ferito il 42enne assistente universitario del medico, sarebbe stato compiuto da 3 giovani.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Coronavirus, il Governo si prepara alla nuova ondata
spunta un documento che dice che...

Coronavirus, il Governo si prepara alla nuova ondata

Milano, la protesta del leghista: “Verificare i rider“
bastoni: “movimenti a rischio per i consumatori?“

Milano, la protesta del leghista: “Verificare i rider“

Torna il covid e becca i giovani
sbaglia chi pensava fosse finita

Torna il covid e becca i giovani

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...
andarono per suonare e furono suonati

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...

Conte dichiara lo stato d'emergenza...per il Libano
cercando di salvare la faccia all'estero

Conte dichiara lo stato d'emergenza...per il Libano


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU