un freno agli imam fondamentalisti

Marocco: la lotta al terrorismo si fa a scuola

Da quasi un anno a Rabat esiste uno speciale istituto per insegnare agli imam l'Islam non violento. Hanno aderito già duecento ulema provenienti da sette diversi Paesi

Redazione
Marocco: la lotta al terrorismo si fa a scuola

Ogni Paese combatte il terrorismo come può. L'impegno del Marocco, esportatore di foreign fighters, alla lotta al terrorismo e all'ISIS è sempre più alto dopo gli attacchi di Parigi. Ma già da un anno il Paese ha lanciato la prima scuola per imam moderati. L'ha voluta il re in persona, Mohamed VI, per mettere un freno al fondamentalismo islamico. Mentre in Italia certa politica si dimostra incapace di gestire il problema degli estremisti, e crede che l'unica soluzione sia concedere loro tutto, nella speranza che non fomentino il terrorismo, a casa loro gli islamici si muovono diversamente. E probabilmente ci ridono dietro.


E così a Rabat, la capitale del Marocco, è stato da tempo inaugurato un istituto che “intende combattere l'estremismo in stile Isis insegnando e così aiutando a diffondere l'Islam più moderato e meno violento”. I corsi sono aperti a tutti quei Paesi e a quegli imam che, riconoscendo la validità del modello marocchino (il Marocco, ricordiamolo, è un paese moderato), vi inviano ulema e imam per la diffusione del cosiddetto “giusto mezzo”. L'istituto può arrivare ad ospitare sino a mille tirocinanti; sinora si sono presentati circa 200 ulema provenienti da Libia, Nigeria, Tunisia, Mali, Guinea Conakry, Costa d'Avorio e persino dalla Francia.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo
soccorsi e portati in un campo profughi a Khoms

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo

Saviano da del mafioso a Salvini
il naufragio del pensiero

Saviano dà del mafioso a Salvini

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU