La spregevole tratta dei cuccioli animali

0
Stefania Genovese

Stefania Genovese

Stefania Genovese, laureata in psicopedagogia e filosofia, ha ricevuto il premio internazionale "Zurich" dell'Università di Barcellona, per la sua tesi di laurea di indirizzo epistemologico sulla creazione dei miti moderni.

Autrice di programmi radiofonici sugli animali e curatrice di rubriche dedicate ai bambini. Ha diretto la rivista astronomica Kosmos e ha scritto numerosi articoli di divulgazione psicologica e scientifica sulle principali riviste italiane.

La spregevole tratta dei cuccioli animali

Cavalier King

Non solo armi, droga e prodotti contraffatti; nel nostro paese vengono introdotti illegalmente migliaia di pet allevati per puro lucro in paesi esteri, come la cagnolina Cleo...Maura è una signora di Milano che insieme al marito è rimasta ammaliata dagli occhioni dolci e languidi di una cagnolina di razza Cavalier King ed ha deciso di adottarla...Sarebbe stato l'inizio di una delle tante storie di affetto e di cura verso una creaturina indifesa e bisognosa di una casa, purtroppo la realtà è stata ben diversa. Cleo, così viene chiamata la bestiola, poco tempo dopo il suo arrivo in famiglia, ha iniziato a mostrare segni di debolezza ed a manifestare gravi problemi astenici; portata dalla veterinaria prontamente gli sono stati somministrati antibiotici ed altri farmaci adeguati al caso. Ma, durante la visita, una scoperta atroce; non solo il malessere della cucciola era stato cagionato da maltrattamenti patiti nei primissimi giorni di vita (tipo l'allontanamento precoce dalla propria madre che non potendo nutrirla adeguatamente, ha determinato precarie difese immunitarie) ma anche che, appena nata, era stata operata di ernia in modo così frettoloso ed inadeguato da averle procurato gravi infezioni alla vescica.

Tutto ciò era da ricondursi al fatto che Cleo era una delle migliaia di animali provenienti dall'Est Europa, venuta al mondo solamente per garantire un lucroso profitto a scapito della sua stessa salute; un oggetto lacrimevole per uomini senza scrupolo che sfruttano ignobilmente l'amore verso i pet. La Lav, Lega Anti Vivisezione, continua a denunciare traffici illeciti e barbari di bestiole che sopportano viaggi massacranti, senza alcuna igiene ne accudimenti adeguati, e che portano in Italia migliaia di bestiole incrementando un bieco traffico commerciale di circa 5.600.000 euro l'anno. Triste sorte coinvolgerebbe purtroppo anche taluni animali esotici, la cui esportazione troverebbe in Italia uno dei nodi cardine per lo smistamento in Europa e oltre. In questo caso la percentuale di animali che muoiono in fase di cattura, trasporto o detenzione è altissima e spesso la loro sorte ultima è quella di vegetare in cattività per il resto dei loro giorni.

E qui la speculazione ed il profitto che si aggira sui due miliardi di euro l'anno, raggiunge apici di crudeltà e malversazione terribili come quello riguardante, ad esempio, le ottantuno piccole iguane stipate in scatole di cartone presso un Hotel del Costa Rica, ma vi sono coinvolti molti altri esemplari come tartarughe marine, merli indiani,scimmie cappuccino, e persino tigri bianche. Una giungla di commercio illegale che spesso trova persino nelle profferte del web un ampio ricettacolo e sulla quale il Corpo Forestale sta indagando.
Per arginare queste situazioni la Lav ha recentemente stilato un esaustivo dossier presentandolo a Roma alla stampa in collaborazione con il Ministero della Salute, allegando inoltre la seconda edizione del Manuale "Procedure per l'esecuzione dei controlli nella movimentazione comunitaria di cani e gatti". Ilaria Innocenti (Lav) ha poi descritto i viaggi infernali e folli a cui sono sottoposti cani, gatti, furetti ed anche molte altre specie: «...Queste malcapitate creature vengono imbottite di farmaci per sembrare sane. All'inizio acquistate da allevatori improvvisati per una esigua somma di denaro, vengono poi rivenduti a prezzi fino a 20 volte superiori, falsificando documenti, vaccinazioni e passaporto europeo".


Inoltre, secondo il dossier, per quanto riguarda cani e gatti, i maggiori "produttori", insieme ad Ungheria e Slovacchia, sono Romania e Repubblica Ceca. I committenti sono alcuni negozianti e allevatori italiani, che poi mostrano agli acquirenti presunti pedigree. Purtroppo i sequestri e gli arresti avvengono sempre meno frequentemente; dunque meno controlli ed un aumento di queste proficue ed abiette compravendite. Anche la Fnovi, Federazione nazionale ordini veterinari italiani ha promosso l'adozione e la diffusione di questo manuale asserendo che esso è uno strumento fondamentale per riuscire a contrastare un bieco fenomeno d'affari da 300 milioni l'anno, invitando i cittadini a prendere cuccioli in modalità controllate presso allevatori regolari in grado di soddisfare il benessere ed la buona condizione fisica degli stessi. Non solo; è attualmente in progetto la costituzione di una task force coordinata dalle Forze dell'Ordine pronta ad effettuare controlli mirati.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU