Intervista esclusiva al segretario generale del FN

Bay: "Marine e il NO vinceranno con l'effetto Trump"

"La sola che può cambiare la direzione disastrosa verso cui è lanciata la Francia è Marine Le Pen. Oggi il Fronte Nazionale è il primo partito di Francia"

Max Ferrari
Bay: "Marine e il NO vinceranno con l'effetto Trump"

Con la disastrosa sconfitta dell'ex presidente Sarkozy alle primarie del centrodestra entra nel vivo la campagna elettorale francese e il primo ministro dell'attuale governo di sinistra, Valls, lancia l'allarme: Marine Le Pen potrebbe essere il prossimo presidente! Ne abbiamo parlato, in esclusiva, con Nicolas Bay, segretario generale del Fronte Nazionale ed eurodeputato.


Onorevole Bay, cosa pensa di questa strano allarme di Valls che certifica anche l'impotenza del Partito Socialista?

La sinistra che parla solo di immigrati, ha paura perchè sa di aver perso l'elettorato popolare che si sente abbandonato e tradito dalle elites. Valls fa bene a preoccuparsi perchè il vento è cambiato e i popoli stanno tornando padroni del proprio destino, fino ad oggi deciso da una casta di mondialisti coalizzati tra loro. La sola che può cambiare la direzione disastrosa verso cui è lanciata la Francia è Marine Le Pen. Oggi il Fronte Nazionale è il primo partito di Francia e Marine è in testa a tutti i sondaggi.


Ci sarà un effetto Trump ad aiutarvi in Francia? Voi partite sempre bene ma poi il centrodestra e la sinistra fanno il cosiddetto “cordone sanitario” che in pratica è una alleanza di tutti contro il Fronte Nazionale e per voi la sfida diventa impossibile.

Sì. Quello che è successo in America è davvero importante, è una svolta corroborante che darà fiducia anche all'elettorato francese in balia di una campagna mediatica che diabolizza Marine Le Pen. Trump dimostra che si può vincere contro le elites e la loro stampa prezzolata: ricordiamoci che non solo si dava per certa la vittoria della Clinton, ma si diceva anche che Trump non avrebbe vinto neppure le primarie repubblicane. Oggi è presidente. In ogni caso l'alleanza sinistra-centrodestra contro di noi funziona sempre meno e le ultime elezioni regionali ne sono la dimostrazione. Nel 2017 si tratterà di fare una scelta di civilizzazione: la nostra o quelle a noi estranee che i mondialisti ci vogliono imporre. I francesi non sbaglieranno.


Cosa pensa del referendum in Italia?

Come politico francese non faccio commenti, ma come cittadino europeo dico che se votassi in Italia voterei decisamente per il NO! E' un no alla casta di Bruxelles che vuole distruggere le nostre identità, le nostre tradizioni e fa di tutto per privarci della nostra sicurezza fisica ed economica. Il vostro NO è uguale al NO che il poplo americano ha detto alla Clinton, è il NO che gli inglesi hanno opposto alla UE scegliendo la Brexit, è il NO di tutti i popoli che hanno sete di libertà e che vogliono spezzare le catene dei gruppi di potere formati da poche persone che da Bruxelles tutto decidono.


Un NO potrebbe arrivare il 4 dicembre anche dall'Austria. Il nostro amico Hofer della FPOE potrebbe essere il nuovo presidente.

Sì certo. Si tratta di un grande personaggio, davvero preparato sia politicamente che umanamente. Se questa volta le elezioni saranno regolari lui vincerà di sicuro e quel giorno ci potrebbe essere una bella accoppiata tra Austria e Italia. Speriamo che non si ripetano i brogli postali che possono stravolgere una elezione. Se tutto sarà regolare festeggeremo insieme alla FPOE e alla Lega!


Nella foto, da sinistra a destra, il consigliere Nicolas Bay, il nostro Max Ferrari e Philippe Vardon.


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Giggino, il (quasi) fallito, ha 60 giorni per trovare 2 miliardi
Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Austria: Kurz asfalta i "buonisti". La Destra di Strache va al governo
salvini: "avanza il Partito della Libertà da sempre alleato della Lega"

Austria: Kurz asfalta i "buonisti". La Destra di Strache va al governo

Che tranvata per Frau Merkel: la Cdu crolla sotto i colpi della Spd. Affermazione dei populisti
elezioni in bassa sassonia: Affermazione dei populisti

Che tranvata per Frau Merkel: crolla sotto i colpi della Spd


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU