concussione, corruzione, abuso d’ufficio e falso

Cara di Mineo, indagato il sindaco

Coinvolti in undici, compreso il Primo Cittadino in quota NCD Anna Aloisi e alcuni dipendenti di cooperative che svolgevano prestazioni per gli immigrati

Fabio Cantarella
Cara di Mineo, indagato il sindaco

Foto ANSA

Un avviso di conclusione indagine è stato fatto notificare dalla Procura di Caltagirone agli undici indagati accusati di avere "acquisito in modo diretto o indiretto la gestione e il controllo delle cooperative sociali presenti nel territorio di Mineo e di lavori e servizi pubblici affidati dal Comune alle cooperative sociali riconducibili a Paolo Ragusa, nel periodo compreso tra l'ottobre 2013 e agosto 2015". Si tratta di una delle numerose indagini che ruotano attorno al Cara di Mineo, il centro di accoglienza per presunti profughi più grande d'Europa (che, specie nel periodo estivo, a causa degli incessanti sbarchi, giunge ad ospitare anche 4000 migranti tutti assieme).

Il provvedimento è stato emesso dal procuratore Giuseppe Verzera e dal sostituto Anna Andreatta a conclusione di un'articolata attività d'indagine condotta dai carabinieri della sezione di Pg della Procura. I reati ipotizzati a vario titolo sono associazione a delinquere, concussione, corruzione, abuso d'ufficio e falso. Tra gli indagati, oltre Ragusa Paolo, il sindaco di Mineo di NCD, Anna Aloisi, due ex assessori, un ex consigliere comunale, dirigenti e impiegati del Comune e alcuni dipendenti di cooperative che svolgevano prestazioni per conto di Ragusa.

Per gli undici a vario titolo sono stati contestati diversi reati fra i quali: concussione, corruzione, abuso d’ufficio e falso. Sono tutti “volti noti” della città di Mineo e non solo. Funzionari del comune ex consiglieri ed assessori e dipendenti che a vario titolo avrebbero preso parte ad un meccanismo molto semplice. Il Comune di Mineo avrebbe affidato servizi pubblici e quindi servizi pagati con i soldi della collettività ad alcune Cooperative del “circuito” che avrebbe posto in essere Paolo Ragusa in accordo con il sindaco di Mineo Anna Aloisi e con l’aiuto e la compiacenza di dipendenti comunali, dirigenti e responsabili di cooperative.

Ecco l'elenco completo degli indagati: Biazzo Giuseppe: consigliere comunale eletto nella lista Uniti per Mineo responsabile della cooperativa Ccrrea e consigliere Solcalatino, Caccamo Domenico: Uff. tecnico comune di Mineo, Camuti Vincenzo, nella qualità di Rup di tutti gli affidamenti alle Cooperative sociali di Mineo, Saitta Tommasa, nella qualità di Vice Segretario comunale e responsabile dell'ente di Mineo, Paolo Ragusa, nella qualità Coordinatore della Lista Politica “Uniti per Mineo”, presidente del Cda della Ccrrea Società Cooperativa Sociale e presidente e membro Cda Solcalatino e titolare di interesse della Cooperativa San Francesco, La Rosa Giuseppe, nella qualità di Collaboratore Staff di gabinetto del Sindaco Aloisi, Serena Lutri, impiegata di una cooperativa legata a Solcalatino, Geraci Maria, Pulici Massimo, nella qualità di Consigliere e Assessore comunale e dipendente della Cooperativa Alba e in seguito della Cooperativa “Nuova Alba”, Anna Aloisi, nella sua funzione di Sindaco di Mineo, Gulizia Maurizio, nella sua funzione di consigliere e assessore del comune di Mineo e responsabile della Cooperativa “Ccrrea”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione

La Consulta boccia la Legge Madia. La Lega: "Sentenza storica"
le mani di renzi sulla pubblica amministraZIONE

La Consulta boccia la Legge Madia. La Lega: "Sentenza storica"

Schiforma Renzi: Sabina Guzzanti imita la Boschi e...
come dire la verità ridendo e scherzando

Schiforma Renzi: Sabina Guzzanti imita la Boschi e...


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU