Dis-integrazione a milano

La criminalità organizzata recluta clandestini gambiani per lo spaccio

L'immigrato prima tenta di stuprare una donna di 30 anni, poi cerca di strangolarla mettendole le mani al collo. A La Spezia un suo "collega" era agli arresti domiciliari in un CIE

Ismaele Rognoni
La criminalità organizzata recluta clandestini gambiani per lo spaccio

La scorsa mezzanotte del 22 agosto, all'interno del parco Sempione a Milano, uno straniero di 26 anni proveniente dal Gambia ha aggredito una trentenne spingendola giù dalla bicicletta. Dopo averla strappato di dosso i vestiti, l'ha bloccata a terra mettendole le mani attorno alla gola, provando a violentarla. La donna è riuscita a divincolarsi e a fuggire dal suo aggressore, trovando riparo all'interno di una discoteca nei paraggi chiedendo aiuto. La risorsa boldriniana se ne era andata con il cellulare, il portafoglio e la bicicletta bianca della vittima. Quest'ultimo dettaglio ha permesso alle forze dell'ordine di rintracciarlo. Gli agenti l'hanno immediatamente bloccato, trovandogli in tasca anche 17 grammi di marijuana.

Ma non è la prima volta che immigrati gambiani finiscono nel giro dello spaccio della droga. Ai primi di agosto, a La Spezia in Liguria, i carabinieri della stazione di Licciana Nardi hanno arrestato in flagranza di reato un altro cittadino del Gambia, 26enne, domiciliato presso il centro di accoglienza per stranieri chiedenti asilo di Licciana, in frazione Terrarossa, resosi responsabile del reato di evasione. Il gambiano è stato sorpreso, senza alcuna autorizzazione, fuori dalla struttura presso la quale si trovava ristretto agli arresti domiciliari a seguito del suo arresto operato dai carabinieri della Spezia il 30 giugno scorso quando, nel corso di un'attività antidroga, era stato trovato in possesso di 19 stecche di hashish per un totale di 21 grammi, pronto per essere spacciata. Dopo la convalida dell'arresto il cittadino gambiano è stato nuovamente rimesso agli arresti domiciliari nel suddetto centro in attesa del processo.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Reggio Calabria: gli immigrati? Nella tendopoli di S. Ferdinando
malgrado le proteste della figlia di padoan

Reggio Calabria: gli immigrati? Nella tendopoli di S. Ferdinando


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU