immigrazione e spaccio

Scoperta piantagione con 4.000 piante di marijuana. Arrestati due albanesi irregolari

La coltivazione è stata scoperta a Metaponto in provincia di Matera. I due stranieri arrestati in flagranza mentre facevano la guardia al campo

Fabio Montoli
Scoperta piantagione con 4000 piante di marijuana. Arrestati due albanesi irregolari

Foto cronaca

Una coltivazione di marijuana con ben 4000 piante è stata scoperta dalla Polizia a Metaponto, in provincia di Matera, in un'indagine che ha portato all'arresto di due albanesi, Gjika Gabriele di anni 27 e Dinaj Lamberto di 19, entrambi in Italia da pochi mesi e senza fissa dimora, sorpresi in flagranza di reato, mentre presidiavano la coltivazione.

Si tratta della prima scoperta effettuata nel materano di una coltivazione davvero importante, consistente in quasi 4 mila piante per un peso complessivo di circa kg.800, che avrebbe fruttato enormi guadagni una volta giunte sul mercato clandestino della droga. I due arrestati montavano la guardia alla piantagione per tutto il tempo, giorno e notte.

Infatti sul posto è stato ritrovato un riparo costituito da una tenda di fortuna, con materassi mentre a protezione del campo i due avevano sistemato una recinzione di fili elettrici collegati a due batterie 12V per tenere lontani gli animali selvatici. La zona scelta è in località Marinella, nelle adiacenze del fiume Bradano, non facilmente raggiungibile per la fitta vegetazione naturale di canne e altre piante che rendono difficile l'accesso al fondo, a cui si giunge solo percorrendo un tortuoso sentiero.















I due stranieri si avvalevano di una pompa sommersa nelle vicine acque del fiume. Queste venivano così aspirate grazie ad un gruppo elettrogeno e irrigavano attraverso una rete di tubi. Le piante, di diverse dimensioni e fasi di maturazione, avevano così modo di prosperare rigogliose. Gli investigatori hanno ritrovato sul posto anche dei fertilizzanti. Gli arresti sono scattati mentre i due tagliavano e mettevano in sacchi una quarantina di piante. Le indagini mirano ad approfondire tutta la filiera dello spaccio.

Condotti nel carcere di Matera, dovranno ora rispondere del reato di coltivazione di marijuana senza autorizzazione, aggravato dall'ingente quantitativo. Tutte le piantine sono state tagliate e portate via dagli stessi poliziotti e sottoposte a sequestro, insieme agli attrezzi agricoli ritrovati, utilizzati per la coltivazione. Le indagini proseguono, sia per verificare se i due malviventi fossero armati visto che su un materasso è stata rilevata l'impronta di una pistola, sia per accertare l'esistenza di eventuali complici.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo
non la lasciano in pace neanche da morta

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo

Latina, sorprende ladro, spara e ne uccide uno
Avvocato esplode 8 colpi di pistola

Latina: sorprende ladro, spara e ne uccide uno

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Latina, sorprende ladro, spara e ne uccide uno
Avvocato esplode 8 colpi di pistola

Latina: sorprende ladro, spara e ne uccide uno

Immigrati, la lettera del poliziotto ad un giornale: "Ma questa è un'invasione"
un agente svela cosa c'è dietro gli sbarchi dalla tunisia

Immigrati, la lettera del poliziotto ad un giornale: "Ma questa è un'invasione"

Scoppia la lite nel suk di Torino, nigeriano accoltella e uccide un italiano
da tempo i cittadini dicono no al ghetto dei clandestini

Scoppia la lite nel suk di Torino, nigeriano accoltella e uccide un italiano


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU