Intervista al disegnatore controcorrente

Krancic: "Le Pen? Il velo non è uno scandalo in certi contesti"

La leader del Front National si è rifiutata di velarsi davanti al Gran Mufti del Libano. Ed è scoppiata la polemica. "La moglie di Obama si è coperta il capo incontrando il papa. Se è prevista questa forma di rispetto, non vedo perché non la si debba attuare". "

Marco Dozio
Krancic: "Le Pen? Il velo non è uno scandalo in certi contesti"

Marine Le Pen ha mandato su tutte le furie le radical chic di mezzo mondo rifiutandosi di indossare il velo davanti al gran Gran Mufti del Libano, Abdellatif Deriane, durante la sua visita nel paese dei cedri. C’è chi sostiene sia una rivendicazione di libertà, un gesto a tutela della dignità delle donne, la ribellione a un simbolo di sottomissione femminile. Insomma un sussulto che dovrebbe trovare il plauso e non lo scherno delle femministe, così chiassose su Trump e silenti sull’islam. Poi c’è un'altra corrente di pensiero, anche al di fuori degli ovattati ambienti politicamente corretti, secondo la quale Marine avrebbero dovuto o potuto comportarsi diversamente, come spiega al Populista Alfio Krancic, vignettista satirico da sempre anticonformista: “Faccio una considerazione di ordine religioso. La moglie di Obama si è coperta il capo incontrando il papa. Se è prevista questa forma di rispetto, non vedo perché non la si debba attuare. Certo occorre capire di che autorità religiosa stiamo parlando, dato che la Le Pen non si è dovuta coprire il capo davanti all’imam di Al Azhar al Cairo, che è la massima autorità sunnita”.

Un Krancic controcorrente anche rispetto all’area politica di riferimento: “Occorrerebbe capire anche come si sono svolti i fatti nel dettaglio. Pare che la Le Pen avesse anticipato che non avrebbe indossato il copricapo, nonostante ciò l’incontro non era stato preventivamente annullato. E sarebbe anche interessante anche capire chi ha chiesto il faccia a faccia. Se a chiederlo fosse stata la Le Pen, allora avrebbe potuto indossare il velo. E viceversa il Mufti avrebbe dovuto accettare la leader del Front così com’era se a chiedere il vertice fosse stato lui. Dico solo che in generale non è uno scandalo coprirsi il capo davanti a un’autorità religiosa. Ripeto, molte donne spesso si velano davanti al papa, le regine usano quello bianco, altre quello nero”, spiega ancora il celebre disegnatore, che attualmente graffia sul Giornale e sul Populista: “Questo ovviamente non inficia in alcun modo la fiducia che ho in Marine. Mi auguro che vinca, e prima ancora mi auguro il successo di Wilders in Olanda. Il 2017, come il 2016, può regalarci grandi soddisfazioni. Alla faccia del sistema faziosamente schierato da una parte”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

15 cellulari in pallone lanciato oltre muro carcere Avellino
certo che in campania hanno una fantasia...

15 cellulari in pallone lanciato oltre muro carcere Avellino

Suora svela la vera fine di papa Luciani
non fu ucciso o avvelenato

Suora svela la vera fine di papa Luciani

L'irresistibile Morcone. Stipendio stellare e attitudine "super partes"
Pontifica sugli immigrati e porta a casa 175mila euro

L'irresistibile Morcone. Stipendio stellare e attitudine "super partes"

Ferrovie lombarde, scivolone del Governo
gtimoldi: "appartiene a RFI"

Ferrovie lombarde, scivolone del Governo


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU