l'eterna diatriba va avanti

Vaccini, il parere del biologo

Vaccinare sì, "bombare" all'inverosimile no; questa una delle tendenze emergenti della querelle innescata dal ministro Lorenzin

Redazione
Vaccini, il parere del biologo

Giorgio Pattera ha lavorato per 42 anni come analista prima al Gemelli di Roma, poi all'Ospedale di Fidenza ed infine nel laboratorio di analisi dell'Ospedale di Parma

Dott. Pattera, il nostro Paese sta affrontando una vera psicosi da vaccino. Dove sta la verità? 
La storia relativa ai vaccini va avanti da anni; il sospetto c’è sempre stato ed ora possiamo affermare che probabilmente non servono esclusivamente a proteggerci, ma piuttosto sono una garanzia per le multinazionali farmaceutiche, che in tal modo si assicurano “clienti a vita”…


Ma servono per non ammalarsi...

I vaccini contengono alcune sostanze tossiche per l’organismo (termine tecnico = adiuvanti) e di conseguenza tendono ad innescare l’effetto contrario a quello per cui vengono inoculati: abbassano le difese immunitarie del soggetto! Le indagini relative a questo problema, che sono in corso da anni, sono state condotte da insigni clinici e ricercatori, quali il dr. Andreas Bachmair, il dr. Heinrich Kremer, il dr. Stefan Lanka, il neurochirurgo Dr. Blaylock e il dr. Fudemberg, immunologo di fama mondiale.


I media dicono altro, come mai?

I media riportano notizie parziali, capziose, fuorvianti e l’unico messaggio che tendono a diffondere è questo: “I vaccini non sono pericolosi, anzi: ci sono 8mila morti all’anno per influenze varie, ma senza vaccini i morti potrebbero essere il doppio…”. Ma Luca Pani, direttore dell’Agenzia del Farmaco, in tempi non sospetti aveva dichiarato di aver previsto l’aumento delle segnalazioni di reazioni avverse post-somministrazione di vaccini.
 
Quali sono le controindicazioni?

Se aumentano i casi di autismo tra gli esseri umani più piccoli, c’è una ragione ben nota alle Autorità, ai medici ed alle industrie farmaceutiche: una massiccia dose di vaccini, in unica soluzione e soprattutto ai bimbi in tenerissima età, neonati inclusi. Le Autorità, a partire dal Ministero della Sanità, non ci fanno volutamente caso e lasciano correre, contando sull’oblio collettivo della popolazione, frastornata da futili argomentazioni, quali pseudo-politica, gossip a sfondo sessuale dei VIPs e scandali in ambito sportivo. Gli introiti economici contano più della salute: infatti, il mercurio, pur messo al bando in Italia dal 2001, è ancora ben presente nei vaccini di ogni genere, per adulti e piccini.


Perchè?

Il mercurio nei vaccini è usato come conservante, con diversi sinonimi: thiomersal, mercuriotiolato, etilmercurio tiosalicilato, sodio mertiolato. È contenuto nei vaccini contro il tetano, difterite, pertosse, antiepatite A, antiepatite B e antiinfluenzale. Negli Stati Uniti l’ente di controllo sui farmaci, la FDA, ne ha sollecitato l’eliminazione dai vaccini fin dal 1999!
Seguendo una direttiva dell’Agenzia Europea per i Farmaci (EMEA), anche nel nostro Paese il Ministero della Salute, con un proprio decreto del 13 novembre 2001, aveva sollecitato le ditte produttrici ad eliminare dagli eccipienti dei vaccini il thiomersal, un conservante organomercuriale. Ma questo veleno è a tutt’oggi presente, in palese violazione di legge, come si evince dalla lettura della documentazione ufficiale e perfino dei bugiardini contenuti nelle confezioni farmaceutiche. Per l’Istituto Superiore di Sanità è tutto a posto, nonostante che a suo tempo il Direttore del reparto di Epidemiologia e Malattie Infettive dell’ISS avesse suggerito il ritiro del vaccino; e, di conseguenza, il Ministro della Sanità avesse “emanato un decreto per eliminare il mercurio e i suoi derivati dai vaccini. Decreto che, sospettando la potenziale pericolosità della sostanza in oggetto, ne fissava “l’eliminazione al gennaio 2007”; ma nel contempo – udite, udite - affermava testualmente che “tutte le ditte farmaceutiche che al 2007 dimostreranno di non poter fare a meno del tiomersal per i loro prodotti, potranno mantenerlo”… 

E cosa provoca la presenza di mercurio?

Il mercurio distrugge gli strati di gelatina e strappa i nervi: questo porta a malattie come l’autismo e l’ADHS. È stato riportato che la campagna di vaccinazione contro l’influenza suina in Scandinavia causò molti casi di narcolessia nei bambini. I vaccini sono spesso conservati con componenti organici di mercurio e, se non lo sono, fonti dell’industria riportano che anche durante il processo di produzione gli aghi forniti con i vaccini sono disinfettati e conservati con componenti di mercurio. Si sospetta che questo mercurio sia la causa di molti casi di narcolessia in Scandinavia.


Nel febbraio 2018 Pierluigi Lopalco, epidemiologo dell'Università di Pisa, parlando ai media, ha negato il legame tra vaccinazioni e autismo con queste parole: "La teoria era che il vaccino trivalente per qualche misterioso motivo potesse creare un'alterazione della permeabilità intestinale, permettendo ad agenti esterni di passare più facilmente la barriera intestinale provocando l'autismo. Negli anni successivi diverse ricerche dimostrarono che lo studio non aveva basi scientifiche". 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Gli Emirati: "Attenti all’estremismo in Europa"
La sicurezza prima della libertà di parola

Gli Emirati: "Attenti all’estremismo in Europa"

Padova, "Siamo profughi, no sfratta". Ma la casa è piena di droga
VIDEO / Salvini ad Oristano. Ed è bagno di folla
il capitano infiamma la sardegna

VIDEO / Salvini ad Oristano. Ed è bagno di folla

Spilimbergo per le popolazioni Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate
Stasera proiezione gratuita del film “Red Land - Rosso Istria”

Spilimbergo per le popolazioni Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"
la "teologia sbagliata" di bergoglio

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"

L'intransigenza del prete: stop alle minigonne in chiesa
Rappresentano una grave mancanza di rispetto

L'intransigenza del prete: stop alle minigonne in chiesa

La Chiesa torna denunciare l’usura
Mons. Delpini: Lettera ai parroci di Milano

La Chiesa torna denunciare l’usura


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU