business dei migranti

Cara di Mineo: gonfiavano le cifre sui clandestini. Per intascarsi un milione di euro

Sei indagati nell'inchiesta su Mafia Capitale: facevano lievitare i compensi alle ditte che svolgevano i servizi all'interno del centro. Tutto questo è avvenuto, secondo la Procura di Caltagirone, per quattro anni, dal 2012 al 2016

Alfredo Lissoni
Cara di Mineo: gonfiavano le cifre sui clandestini. Per intascarsi un milione di euro

Foto ANSA

Sei persone sono indagate dalla procura di Caltagirone per i reati di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ai danni dello Stato e dell'Unione Europea. Sono accusate di avere gonfiato la presenza di migranti al Cara di Mineo, per far lievitare i compensi alle ditte che svolgono i servizi all'interno del centro. Tutto questo è avvenuto, secondo la Procura di Caltagirone, per quattro anni, dal 2012 al 2016, per l'ammontare di un milione di euro.


L'inchiesta è una costola di "Mafia Capitale". Dall'analisi della contabilità, relativa alle presenze giornaliere dei migranti ospiti del Cara sarebbero saltate fuori la la corresponsione di importi superiori a quelli dovuti. Agenti della Squadra mobile di Catania e del commissariato di Caltagirone, guidati dal questore Marcello Cardona, hanno dato esecuzione a un decreto di perquisizione e di sequestro. La gara per la gestione triennale del Cara di Mineo, indetta il 24 aprile del 2014 per un importo di 97 milioni di euro, fu ritenuta illegittima dall'Autorità nazionale anticorruzione guidata da Raffaele Cantone il 15 febbraio del 2015. Eseguite perquisizioni presso società che hanno sede in tutto il territorio nazionale.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc
la "piazza " invasa dai datteri di hashish

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU