Pellegrin

Quella non-integrazione che mette paura

Emilio Stagni
Quella non-integrazione che mette paura

Io ho paura di questa donna nella foto come di tutte le donne musulmane che incontri per le strade di Milano. Le incontri in gruppo, oppure da sole con il figlio nella carrozzina, con il marito. Fanno acquisti al supermercato, curiosano tra gli scaffali dei grandi magazzini, salgono sul tram per portarle a casa. La maggioranza indossa il velo islamico, altre indossano il chador, raramente il burka. Apparentemente compiono gesti che nella vita quotidiana sono comuni alla maggioranza della gente occidentale. Eppure guardando queste donne musulmane si crea dentro di me una tensione, una preoccupazione, paura. Queste donne sono una minaccia peggiore di un atto terroristico. Queste donne sono il cambiamento, sono la radicalizzazione di uno stile di vita che non mi appartiene ma che con il tempo sarò obbligato ad accettare. Queste donne rappresentano coloro che hanno scelto di vivere qui, senza nessun desiderio di integrarsi, anzi volendo imporre alla lunga il loro modo di pensare. Queste donne chiederanno tra poco tempo di far loro più spazio, in quanto saranno sempre più numerose insieme alla loro prole. E alla fine dovremo ritirarci in buon ordine nelle aree che ci verranno assegnate. Il terrorismo si può combattere e si può sconfiggere ma quando masse di gente si impossessano della società in cui vivi non puoi più ne ribellarti ne combattere.

Milano, Italia

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

"Amore Criminale: e i suoi frutti amari"

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Lorellinablu

    Lorella

    Lattavo

    15:03, 24 Luglio 2016

    Non posso che condividere il tuo pensiero. Nel mio quartiere a Roma vedo passare parecchie di queste donne " intabarrate" nei loro veli anche in questi giorni che nella Capitale si scoppia di caldo. Osservo come guardano noi donne occidentali soprattutto il nostro modo di vestire che per loro è censura massima e riesco ad intuire una forma di sfida e di rabbia come se dicessero ad ognuna do noi: " Preparatevi che la pacchia sta per finire, non vi mostrerete più con le gambe nude e il decolltè, come delle svergognate" ...ma svergognate saranno loro che accettano di accoppiarsi con uomini che non le amano ma le considerano solo fabbriche di figli assieme ad altre mogli dell'harem. Io francamente sono stufa di vedere la mia città e la mia Italia ridotte ad un pizzico per colpa di un governo che ci sta mangiando a quattro ganasce con l'immigrazione di questa gente. L'Italia non è una pentola dove ci si mette tutto per fare il minestrone! Ognuno di noi ha una sua storia da difendere e prego Dio che presto il popolo italiano si svegli da questo torpore creato dalla droga propinatagli dal governo per tenerlo buono e a cuccia. L'occasione è il referendum e dobbiamo essere uniti nel dire NO a questo maledetto esecutivo impostoci da chi vuole la nostra rovina..

    Rispondi

    Report

  • MARCO

    LEONE

    00:12, 24 Luglio 2016

    C'E' POCO DA AGGIUNGERE A QUESTA RIFLESSIONE!! QUALCHE ANNO FA MENTRE ATTENDEVO IN CODA PER RINNOVARE IL DOCUMENTO DI IDENTITA' NELLA MIA CODA, DUE UTENTI DOPO IL MIO TURNO, VI ERANO MOGLIE E MARITO IN ATTESA : LEI CON IL BURKA CHE NEANCHE GLI OCCHI SI VEDEVANO. FINITO DI ESPLETARE LA MIA COMMISSIONE, HO ATTESO PER VEDERE COME SARREBBE ANDATA A FINIRE: EBBENE QUANDO HO VISTO L'IMPIEGATO ALZARSI IN PIEDI E PORTARE I DUE DAVANTI AL CARTELLO CHE SPIEGA CHE LA PERSONA , CHE RICHIEDE IL DOCUMENTO DI IDENTIFICAZIONE DEVE ESSERE RICONOSCIBILE, HO FATTO APPENA IN TEMPO A METTERMI FUORI TIRO; SI E' PASSATI DAL TONO GENTILE MA RISOLUTO AI GESTI SEMPRE PIU' NERVOSI , QUINDI VOCI SEMPRE PIU' CONCITATE ,POI URLA E INFINE PANCHE E SEDIE ROVESCIATE CON CONSEGUENTE ARRIVO DEI CARABINIERI E ALLONTANAMENTO DEI DUE SOGGETTI DALLE INTENZIONI POCO SOCIEVOLI E MEN CHE MENO DESIDEROSI DI ENTRARE A FAR PARTE DEL MONDO OCCIDENTALE. MARCO DA MILANO

    Rispondi

    Report


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU