I retroscena nel Bosforo

Savoini: "Erdogan, un golpe agli equilibri geopolitici atlantisti"

In Turchia le scosse di assestamento post-golpe non si arrestano: ora Erdogan ha deciso di sospendere la convenzione europea sui diritti umani. Nell’indifferenza di chi, per molto meno, ha preteso le sanzioni alla Russia

Pier Luigi Pellegrin
Savoini: "Erdogan, un golpe agli equilibri geopolitici atlantisti"

Sul colpo di Stato emergono retroscena meritevoli di essere messi a fuoco. A partire dal riavvicinamento di Ankara verso Assad e anche verso Mosca. “Il golpe è stato tentato nella notte tra il 15 e il 16 luglio", inizia da qui la ricostruzione dei fatti del giornalista Gianluca Savoini, "tre giorni prima, il 12, il primo ministro turco aveva annunciato l’intenzione di riallacciare i rapporti con Damasco, visto che in Siria, grazie alla Russia, si sta avvicinando la fine dell’Isis. Dichiarazioni che di certo hanno fatto imbestialire chi vede nel regime di Assad un male assoluto, peggio dell’Isis stesso. A partire dagli americani, per esempio”.

“Il 14 luglio", prosegue il giornalista, "due esponenti del Cremlino si trovavano ad Ankara; uno di loro ha anche rilasciato, in conferenza stampa, dichiarazioni sulla necessità di riallacciare i rapporto Russia-Turchia. 24 ore più tardi, guarda caso, arriva il colpo di stato”. Ma in quelle ore incandescenti le cose non sono andate esattamente come riportato da molti media italiani ed europei.

“È interessante sapere", ci racconta Savoini, "che in realtà il leader turco stava per riparare in Qatar, non in Germania. Inoltre, secondo fonti dell’intelligence irachena, riportate dal giornale libanese Al Arab Post, Erdogan ha ricevuto una telefonata dal governo dell’Iran, che gli consigliava di restare in Turchia, garantendogli che i musulmani sciiti, filo iraniani, sarebbero scesi in piazza per sostenerlo contro i golpisti militari. Militari non solo amici del filo-americano Gulen, ma anche appoggiati evidentemente da forze atlantiste”. Un quadro dei fatti che proietta nel futuro uno scenario internazionale ben diverso da quello attuale.

“Non essendo riusciti a ripetere con Erdogan l’operazione Gheddafi", conclude Savoini, "si aprono sviluppi potenzialmente sconvolgenti. Ci sono già alcuni falchi sostenitori di Erdogan, per esempio, che chiedono di uscire dalla NATO. Una situazione del genere darebbe un colpo definitivo agli equilibri geopolitici per come li abbiamo conosciuti in questi ultimi 15 anni, dopo l’11 settembre. Si apre un’altra storia, lontana dall’ordine unipolare voluto finora dagli Stati Uniti”. 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Compagni, la festa è finita...
cala il sipario sul bomba

Compagni, la festa è finita...

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

a
intervista al direttore del Centro tedesco per gli Studi euroasiatici

Ochsenreiter: "Merkel? La donna più fidata per la palude liberale in Europa"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU