Germania nell'incubo del terrorismo

Carneficina di Monaco: "Sparavano ai bambini"

La polizia non attribuisce ancora alcuna matrice all'attentato di questo pomeriggio, ma la Cnn cita la testimonianza di una donna musulmana: "Il killer gridava Allah Akbar"

Alfredo Lissoni
Carneficina di Monaco: "Sparavano ai bambini"

Foto ANSA

Alle 23 di venerdì Sale ad almeno 9 morti il bilancio ancora provvisorio dell'attentato che nel pomeriggio ha insanguinato Monaco. Lo riferisce la polizia bavarese. "Dobbiamo essere tutti uniti e dare il massimo appoggio a chi protegge e salva le vite", dichiara il presidente tedesco Joachim Gauck, che dice di essere "vicino ai feriti ed ai parenti delle vittime".


Mentre la polizia non attribuisce ancora alcuna matrice alla strage, la Cnn cita la testimonianza di Lauretta Januze, che ha raccontato di essere al McDonald nel centro commerciale teatro dell'attacco. La donna ha riferito di aver udito dei colpi e di aver visto un uomo "uccidere dei bambini che erano li a mangiare". La donna ha aggiunto che l'uomo armato ha gridato "Allah Akbar" (Dio è grande). Questo quanto riferito dalla donna, che ha sottolineato di essere musulmana, ma la polizia bavarese ha ribadito di non avere alcun elemento per privilegiare la pista dell'estremismo islamico rispetto a quella degli estremisti di destra. Uno degli attentatori sarebbe stato udito gridare "maledetti immigrati", ma non vi sono conferme: in un video comparso su YouTube che riprende un dialogo concitato con uno dei presunti attentatori, appostato sul tetto del centro commerciale, sembra che le ingiurie agli stranieri venissero da una voce fuori campo, alla quale l'uomo con la pistola risponde: "Io sono tedesco".

Lauretta Januze ha raccontato come si trovasse con suo figlio nel bagno del McDonald's insieme al killer. "È lì dove ha caricato la sua arma", ha detto. "Poi ho sentito 'boom, boom, boom', e ho visto tutti quei feriti.... Io ero alle sue spalle, ero nel bagno con mio figlio", ha proseguito, "e ho solo visto che sparava direttamente in faccia ai bambini".

Tre, in base alle ricostruzioni della polizia, gli attentatori poi fuggiti. Matrice islamica o estremismo neonazista? Riflessioni che si incrociano con la suggestiva coincidenza del quinto anniversario dei due attacchi terroristici in Norvegia, dove il fanatico di estrema destra Anders Behring Breivik uccise 77 persone. Secondo fonti della sicurezza citate da Focus on line, uno dei terroristi, vistosi braccato dalla polizia, si è ucciso nei pressi del centro commerciale dove è avvenuta la sparatoria. La matrice dell'attacco resta tutta ancora da verificare.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia
Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU