la beffa: cineasti nostrani delusi

Cannes: vince il multiculturalismo, stroncati i film dei radical-chic nostrani

Successo per le opere straniere, europee ed asiatiche. Riconoscimento per il Torino Fil Lab. Per il resto, l'Italia torna a mani vuote

Alfredo Lissoni
Cannes: vince il multiculturalismo, stroncati i film dei radical-chic nostrani

Una scena del film The Happiest Day in the Life of Olli Mäki

Nessun riconoscimento per l'Italia, quest'anno al Festival di Cannes. La giuria della sezione Un Certain Regard ha premiato il finlandese The happiest day in the life of Olly Mäki, preferito a Pericle Il Nero con Riccardo Scamarcio. E anche dalla Quinzaine des Réalisateurs non arriva alcun premio alle tre pellicole nostrane Fai bei sogni di Marco Bellocchio, La pazza gioia di Paolo Virzì e Fiore di Claudio Giovannesi, nonostante il grande apprezzamento da parte di pubblico e critica.


Stroncati dunque i film di sinistra. I partner della sezione parallela e non competitiva hanno difatti preferito, tra gli altri, "Wolf and Sheep" dell'afgana Shahrbanoo Sadat. E poi ancora L'Effet aquatique dell'islandese Sólveig Anspach e Mercenaire di Sacha Wolff. Ci possiamo però consolare all'idea che alcune delle opere straniere erano però sponsorizzate dal Torino Film Lab, un laboratorio internazionale di sostegno al cinema emergente nel mondo, varato nel capoluogo piemontese, che ha raccolto cinque premi per film di registi stranieri.


La Giuria, presieduta dall'attrice svizzera Marthe Keller, dalla regista austriaca, Jessica Hausner, dall'attore messicano Diego Luna, dal regista svedese Ruben Östlund e dall'attrice francese Céline Sallette, si è detta "onorata e felice di aver ricevuto l’incarico di scegliere all’interno della Selezione 2016, composta da film tutti di alta qualità, portatori di scoperte ed aperture sul mondo intorno ai temi della famiglia, della politica e delle differenti culture".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

La politica secondo Povia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU