Le purghe di Erdogan

Turchia, nuove epurazioni: rimossi ben 15mila tra militari e dipendenti pubblici

60 mandati di cattura in 19 province per appartenenti all'Aviazione militare. Chiusi, inoltre, almeno nove organi di stampa, 550 ong e 19 centri medici privati

Redazione
Turchia, nuove epurazioni: rimossi 15mila tra militari e dipendenti pubblici

Recep Tayyip Erdogan. Foto ANSA

Nuova ondata di epurazioni in Turchia. Le autorità, con due decreti emessi lunedì nel quadro dello stato di emergenza proclamato dopo il tentato golpe del 15 luglio scorso, hanno stabilito il licenziamento di 9.977 appartenenti alle forze di sicurezza e di oltre cinquemila dipendenti pubblici accusati di legami con "organizzazioni terroristiche". Tra gli epurati figurano 1.988 soldati (1.259 delle forze di terra, 391 della Marina e 338 dell'Aviazione militare), 7.586 agenti di polizia e 403 uomini della gendarmeria. Stando ai decreti pubblicati sulla gazzetta ufficiale, sono stati chiusi, inoltre, almeno nove organi di stampa, 550 ong e 19 centri medici privati.

Parallelamente ai due decreti le autorità hanno spiccato 60 mandati di cattura in 19 province del Paese per altrettanti appartenenti all'Aviazione militare, tra cui figurano anche dei piloti. I sospetti sono accusati di legami con la rete del predicatore turco, Fethullah Gulen, ritenuto dal governo la 'mente' del fallito colpo di Stato. Finora in Turchia circa 110mila tra militari, dipendenti pubblici e della magistratura sono stati licenziati o sospesi dal lavoro per presunti legami con la rete di Gulen. Altre 36mila persone sono in carcere in attesa di processo.

Il predicatore, che vive in auto-esilio in Pennsylvania dal 1999, ha sempre negato le accuse e condannato il golpe. Ankara ne ha chiesto a più riprese l'estradizione dagli Stati Uniti e ora teme possa fuggire in Canada. Oltre alle purghe ordinate da Erdogan contro i sospetti sostenitori di Gulen, le autorità turche hanno intensificato le operazioni di sicurezza anche contro le istituzioni e i partiti accusati di legami con il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (Pkk), considerato un'organizzazione terroristica.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU