il golpe renziano

Italicum da riscrivere. Tra un piatto di trippa e 300 gufi

Approvata ieri alla Camera una mozione per rivedere la legge elettorale fortemente voluta da Matteo Renzi ed entrata in vigore da poco più di un anno, mai applicata e già sottoposta al giudizio della Consulta. Forse non tutti sanno che...

Ennio Castiglioni
Italicum da riscrivere. Tra un piatto di trippa e 300 gufi

Foto moduscc.it

Ieri è passata con 293 voti a favore, 157 contrari e 13 astenuti una mozione per rivedere l’Italicum. La legge elettorale fortemente voluta da Matteo Renzi ed entrata in vigore da poco più di un anno, mai applicata e già sottoposta al giudizio della Consulta. A confronto il famigerato Porcellum, che ha regolato le lezioni politiche del 2006, 2008 e 2013 prima di essere dichiarato parzialmente illegittimo dalla Corte costituzionale, fa un figurone. Viene da dire: ma chi ve le scrive queste leggi?

Una delle persone più influenti, prima di essere fatta fuori dal Ministro Boschi, è stata Antonella Manzione meglio conosciuta come la “vigilessa”, perché era a capo della polizia municipale di Firenze nello stesso periodo in cui Renzi era sindaco. La dottoressa, di cui si sa con certezza che mangia trippa, ascolta Edoardo Bennato e custodisce trecento gufi (chissà cosa ne pensa Renzi, lui così avverso ai gufi), è stata imposta dal premier, nonostante il parere contrario della Corte dei Conti, a capo del Dagl (dipartimento degli affari giuridici e legislativi del governo). Questo orribile acronimo, è il centro degli atti amministrativi e legislativi dell’esecutivo, un dipartimento strategico.

Alla faccia della tanto sbandierata meritocrazia vediamo persone dalla dubbia competenza, ma dalla sicura fedeltà mettere mano alle più importanti norme che decidono dei destini del Paese con la tipica sfrontatezza dell’ignorante. La “vigilessa”, prima di litigare ha lungamente collaborato con il Ministro per le Riforme costituzionali e per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, specializzata in diritto societario, per scrivere quella schifezza di riforma costituzionale che andremo a votare nel referendum prossimo venturo. La data è infatti ancora a tutti sconosciuta.

La coppia ha redatto una riforma così confusa e pasticciata che nemmeno gli studiosi più esperti riescono a chiarire. Non si capisce quanti senatori avrà ciascuna regione, non si capisce come verranno eletti dopo la prima volta, non si capisce se poi rappresenteranno le Regioni in quanto enti, i gruppi consiliari o i cittadini, non si capisce quante saranno le procedure di approvazione delle leggi, non si capisce in caso di disaccordo tra Presidente della Camera e del Senato chi debba decidere sulle procedure legislative, non si capisce se davvero scompare la competenza concorrente, soprattutto non si capisce perché abbiano fatto questa riforma.

Per fare questa riforma la “vigilessa” e la “giaguara” hanno snobbato, definendoli gufi, rosiconi, vecchi, tutti i costituzionalisti in circolazione. Nella fase iniziale dei lavori parlamentari sulle riforme, Gustavo Zagrebelsky, già giudice e presidente della Corte costituzionale, ha inviato un lungo parere che valutava idee ed ipotesi alternative. Nessuno gli ha mai risposto.

Nel 2006 la nostra Costituzione ha ricevuto il Premio Strega in cui si sottolinea “la nitidezza e l’attualità dei principi che essa enuncia”, mentre la riforma che ci vogliono far ingoiare è del tutto incomprensibile. Non si può votare una Costituzione che sembra un verbale per una infrazione stradale, dove non si capisce niente, tranne che ti hanno fottuto e devi pagare.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Compagni, la festa è finita...
cala il sipario sul bomba

Compagni, la festa è finita...


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU