tale il grande, tale il piccolo

Iraq: ragazzo kamikaze, il fratello s'era fatto esplodere un'ora prima

Il 15enne arrestato domenica sera a Kirkuk, in Iraq, prima di poter azionare il giubbetto esplosivo che portava addosso, ha detto di essere stato "rapito, sedato e costretto" a compiere un attentato suicida da parte dell'Isis

Alfredo Lissoni
Iraq: ragazzo kamikaze, il fratello s'era fatto esplodere un'ora prima

Il ragazzo di 15 anni arrestato domenica sera a Kirkuk, in Iraq, prima di poter azionare il giubbetto esplosivo che portava addosso, ha detto di essere stato "rapito, sedato e costretto" a compiere un attentato suicida da parte dell'Isis. Lo ha riferito l'ispettore generale della polizia di Kirkuk, il colonnello Arkan Hamad Latif, che ha anche reso noto il nome dell'adolescente, originario di Mosul. L'attentato, ha aggiunto Latif, doveva avvenire sulla Via Husseiniya, nel quartiere di Tesin, a maggioranza sciita turcomanna.

In un comunicato, il comando della polizia di Kirkuk ha asserito da parte sua che un fratello dell'adolescente era riuscito a farsi saltare in aria un'ora prima in una moschea sciita, riuscendo solamente a ferire due persone, e che i due giovani erano stati "addestrati e incoraggiati dal padre a compiere azioni suicide". Il ragazzo arrestato, invece, aveva l'esplosivo nascosto sotto un'ampia maglietta con i colori della squadra di calcio del Barcellona e il numero 10, quello di Leo Messi. Ironia della sorte, proprio Messi è un ambasciatore dell'Unicef, l'organizzazione dell'Onu che cura i diritti dei bambini nel mondo.


Il ragazzino era stato bloccato da due agenti per le braccia, impedendogli di muoverle verso l'esplosivo per evitare che potesse esservi una strage simile a quella compiuta da un altro giovanissimo nella turca Gaziantep.


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"
Il tycoon reagisce alle polemiche

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU