vittima della crisi

Indebitato e con casa pignorata uccide i figli e si ammazza

È successo a Castiglione del Lago (PG) . L'uomo ha prima accoltellato i due figli di 8 e 13 anni e poi ha ferito la moglie, prima di gettarsi in un pozzo

Fabio Montoli
Tragedia della crisi: Padre con debiti e casa pignorata uccide i due figli e si toglie la vita

Foto d'archivio

Ennesima drammatica tragedia causata dalla crisi economica. Questa volta la follia, spinta da una depressione che ha alle radici il dramma per la perdita del lavoro e della casa pignorata, ha colpito un'intera famiglia per mano di Maurizio Palmerini, un 50enne di Vaiano, frazione di Castiglione del Lago (Perugia).

L'uomo ha prima ucciso i suoi figli, Hubert di 13 e Giulia di 8 anni, a coltellate, ha ferito la moglie e poi si è tolto la vita buttandosi in un pozzo. A chiamare i soccorsi è stata proprio la consorte, Caterina, dopo essere stata colpita. I carabinieri sono arrivati poco prima che l’uomo si togliesse la vita e hanno provato a fermarlo insieme a un vicino. Inutilmente. Il padre, prima di lanciarsi nel fondo del pozzo, ha urlato disperato: "Vi rendete conto di quello che ho fatto? Non provate a fermarmi".

Il gesto sembra proprio essere stato dettato da una motivazione economica. In passato l'uomo aveva lavorato come rappresentante di farmaci e anche come operaio, ma attualmente era senza lavoro, e cercava di sostenere la famiglia con qualche lavoretto saltuario.

Inoltre, oltre a debiti accumulati, alla famiglia era stata pignorata la casa e Palmerini soffriva di depressione, causata dalla serie di eventi negativi e dalla speranza, ormai vana, di trovare un'occupazione che potesse ridare al nucleo famigliare serenità e pace. Il vicino di casa, che ha tentato l'impossibile per salvarlo, lo ha descritto come una persona onesta e perbene.



La moglie, sopravvissuta alla tragedia, è ancora ricoverata sotto shock all’ospedale di Perugia. Il commento del sindaco di Castiglione del Lago, Sergio Batino, denota mortificazione nei confronti dell'impossibilità di aiutare i suoi concittadini: "Sono sconfortato e addolorato, soprattutto perché questa tragedia riguarda anche dei minori. Questo è il sintomo della disgregazione di questa società". Noi, ci limitiamo a commentare che Maurizio Palmerino è l'autore ingiustificabile di un gesto estremo e grave; ma ancor più grave è che lui e la sua famiglia siano state vittime, prima che della follia, di uno Stato che emargina ed abbandona i cittadini. Almeno, quelli italiani.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Vogliamo fare i poliziotti"
Parla Massimiliano Pirola, esponente del SAP di Milano

Tutele zero per noi poliziotti

Milano: senzatetto tra paura e gelo
Milano: senzatetto sempre più a rischio aggressioni in balia di notti gelide

Senzatetto: "Dormitori sporchi, meglio la strada anche se abbiamo paura"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU