Il sottosegretario insiste sulla redistribuzione già fallita

Sandro Gozi l'autoritario: "Multe a chi non vuole i migranti"

Già autore di frasi indimenticabili come "Questa Europa non ci piace e la vogliamo cambiare davvero", l'ineffabile Gozi vuole ricattare gli Stati europei che osano opporsi all'invasione

Marco Dozio
Sandro Gozi l'autoritario: "multe a chi non vuole i migranti"

Foto ANSA

Che degli interessi dell’Italia in Europa si occupi un certo Sandro Gozi, sottosegretario con delega agli Affari europei, forse è un segno dei tempi nefasti che stiamo vivendo. Il sempre sorridente Gozi, già autore un anno fa di frasi indimenticabili come "Questa Europa non ci piace e la vogliamo cambiare davvero” (e si è visto) ora torna alla carica con una proposta altrettanto indimenticabile: multare i Paesi che non vogliono i “migranti”.

Con piglio autoritario, l’idea è quella di ricattare gli Stati che si oppongono alla pantomima della cosiddetta “redistribuzione” degli immigrati. Un piano fallito in partenza: nel 2015 si parlava di 40mila persone da ricollocare nel giro di due anni. A conti fatti siamo al nulla, a pochissimi “ricollocamenti” effettivamente andati in porto. Ma che si tratti di una bizzarria inapplicabile, al nostro Gozi non passa nemmeno per la testa.

E così, impettito, rilancia in un’intervista al Mattino: "Non c'è stata una sufficiente ridistribuzione dei migranti”. Ma davvero? E chi l’avrebbe mai detto? “È una mia valutazione, ma credo che ci siano sufficienti condizioni per aprire procedure d'infrazione verso i Paesi che non hanno rispettato i loro impegni".

Intanto l’impegno di Gozi è quello di magnificare un fantomatico ruolo di leadership operato dall’Italia renziana in Europa. Leadership che dev’essersi concretizzata nella crociera di Ventotene. “Se oggi i leader europei vengono in Italia invitati da Matteo Renzi, è perchè ci siamo conquistati una forte credibilità grazie alle riforme e alla volontà di proseguire questo percorso Anche in questa chiave la vittoria del sì al referendum costituzionale di novembre ci darà molta forza in un'Europa nella quale l'Italia è tornata a far sentire la sua leadership".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU