La svolta social della sottosegretaria

#InstaMeb, se la Boschi fa Belen

Maria Elena sta cercando di rifarsi l’immagine perduta dopo la debacle elettorale e le vicende di Banca Etruria, referendum, caduta del Governo Renzi

0
Serena Masetto

Serena Masetto

Nasco a Treviso in un caldo luglio del 1979, all’ora dello spritz (era destino). Giornalista professionista con esordi nello sport, ma troppo pigra per praticarne uno. Un lustro nella cronaca nera e quasi due nella politica. La cucina è la mia passione, nel senso che amo il cibo, tutto e tanto. I miei migliori amici sono quelli di Marilyn. Un afflato particolare per il cattivo gusto altrui e chi è capace di sorriderne. Questo è il mio primo blog, sperando non sia l’ultimo.

#InstaMeb, se la Boschi fa Belen

In principio fu Belen a coniare l’hashtag #Belu nelle sue foto più intime. Maria Elena Boschi deve aver pensato che per rifarsi l’immagine perduta dopo la debacle elettorale e le vicende di Banca Etruria, referendum, caduta del Governo Renzi, era forse il caso di avvicinarsi al mondo giovanile sbarcando su Instagram, il social più “young” di tutti.

Ed ecco la genesi di #InstaMeb, ennesimo hashtag affiancato ad #Avanti nei post boschiani. Dello sbarco Instagram di @Meb hanno scritto ormai tutti, così come dei vari post, più personali che istituzionali, e della foga che si è impossessata dell’ex Ministra ritratta in auto con amiche, in metro, a concerti di Tiziano Ferro, con i colleghi del Giglio magico, a teatro, con la nipotina, a Santorini in una desolante posa al tramonto, con Pisapia come una novella Penelope intenta a tessere larghe intese, o infine nel suo ufficio di palazzo Chigi tra soffuse luci serali (della serie: io lavoro fino a tardi, ché poi a casa mi aspettano  solo latte e biscotti sul divano).

Ma, Maria Elena cara, se si vuole imitare Belen non ci si può far ritrarre in palestra indossando un canottierone grigio quanto la tristezza della foto. Se si è in pausa di lavoro su una terrazza assolata vista mare, fasciata in un tailleur fucsia che fa pendant con le bouganville, non ci si fa ritrarre mentre ci si gratta la caviglia (che è, t’ha punto una zanzara impertinente o ti stavi sistemando il gambaletto?). Se si sta attendendo il tramonto più bello del mondo a Santorini, non si pubblica una foto che sprizza solitudine, peraltro indossando un copricostume giallo pulcino in elastan e poliestere (fa poraccitudine, non è popular). Se si va ad una festa dell’Unità nel paesello, si lascia a casa il grembiulino nero da scuola giardiniera, e soprattutto le ballerine rosse che certo saranno in tema con i colori della sinistra, ma che poco donano a gambe non chilometriche o ad età lontane da quelle di Dorothy del Mago di Oz.

Insomma, Maria Elena. Ok il tentativo di auto-rottamare il passato con una smaltata di immagini informali, ma non vorremmo che arrivassi a definire haters coloro che semplicemente te ne fanno notare alcune palesi inadeguatezze. Insomma, se pubblichi su Instagram un selfie con tuo fratello (“Pier Francesco che mi fa da personal trainer”) e non ti sei passata qualche millimetro di fondotinta sul viso paonazzo di fatica e privo di trucco, non è catalogabile come “troll grillino” tale @l.goffi che commenta “Sicura che ti voglia bene davvero? Neppure di Battista ti ha mai ridotta così”. Ti assicuriamo, non è hate, è un consiglio in amicizia.

Buon social-lavoro, #InstaMeb.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU