Terrore senza fine

Germania: stavano preparando un altro attentato, in un centro commerciale

Due fratelli, di origine kosovara, pare volessero colpire uno dei più grandi poli tedeschi dello shopping, 250 negozi, affollatissimi in questo periodo natalizio

Redazione
Germania, stavano preparando un altro attentato: l'obbiettivo, un centro commerciale

Polizia a Oberhausen. Da waz.de

A pochi giorni dalla strage che ha insanguinato il mercatino natalizio di Berlino, la polizia tedesca ha arrestato venerdì due fratelli, sospettati di aver pianificato un attacco terroristico a un centro commerciale di Oberhausen, nella Germania occidentale. I due, 28 e 31 anni, sono originari del Kosovo; non è chiaro se l'attacco fosse imminente o solo in preparazione. Nel mirino vi era "CentrO", uno dei più grandi del paese: al suo interno si trovano circa 250 negozi, in questi giorni affollatissimi. Oberhausen si trova nella valle della Ruhr, un tempo il bacino industriale della Germania.

Prosegue, intanto, la caccia a Anis Nimri, il tunisino sospettato di essere stato alla guida del tir lanciato sulla folla lunedì nella Breitscheidplatzdella capitale. Giovedì il ministro dell'Interno tedesco, Thomas de Maizière, ha confermato ufficialmente che le sue impronte digitali sono state ritrovate sul mezzo utilizzato per uccidere dodici persone e ferirne 48. Il fratello, Abdelkader Amri, lo ha invitato a costituirsi e ha ipotizzato che si sia "radicalizzato nel carcere italiano dove era stato rinchiuso dopo aver lasciato la Tunisia".

La polizia ha effettuato, sempre giovedì, perquisizioni a Berlino e nel Nord Reno-Westfalia, il land nel quale il 24enne ha risieduto una volta arrivato in Germania. Le forze di sicurezza hanno anche ispezionato un autobus di linea ad Heilbronn, ma senza risultati, e una moschea nel quartiere Moabit della capitale tedesca. A quattro giorni dalla strage, solo 10 delle vittime sono state identificate: sei tedeschi, un'israeliana, una ceca, l'italiana Fabrizia Di Lorenzo e il camionista polacco, Lukasz Robert U., preso in ostaggio dal terrorista e ucciso nella cabina di guida.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU