il califfato non riposa mai

Attentato a Kabul. L'Isis rivendica la strage

Almeno 61 morti e 207 feriti durante una manifestazione etnica nella capitale afghana. I talebani negano ogni responsabilità, il Califfato cerca invece di prendersene il "merito"

Redazione
Attentato a Kabul. L'Isis rivendica la strage

Attentato Isis a Kabul, dove nella mattinata di sabato una violentissima esplosione ha causato almeno 61 morti e circa 207 feriti ed ha seminato il panico durante una manifestazione degli hazara, un'etnia di lingua persiana e di religione sciita insediata soprattutto nell'Afghanistan centrale. I dimostranti, che hanno invano cercato di raggiungere il Palazzo Presidenziale, stavano protestando contro un mega-progetto governativo per la creazione di una linea dell'alta tensione che colleghi la capitale afghana con il Turkmenistan, ma che discriminerebbe la provincia di Bamyan, dove gli hazara costituiscono la maggior parte della popolazione, fornendole energia a potenza dimezzata. Il kamikaze indossava un burqa.


I talebani afghani, inizialmente indicati come possibili responsabil dell'attentato, hanno negato ogni addebito. Il portavoce degli insorti, Zabihullah Mujahid, ha sottolineato in un comunicato che l'attentato "è una cospirazione di chi vuole la  divisione del popolo afghano". A farsi avanti, invece, è stato l'Isis. "Due combattenti dello Stato islamico hanno fatto esplodere le loro cinture esplosive in un raduno sciita nel quartiere Dehmazang di Kabul, in Afghanistan", si legge sull'agenzia di stampa legata ai jihadisti, Amaq.


Credibile o meno che sia questa rivendicazione, da tempo oramai l'Isis si arroga la paternità di qualsiasi atto di sangue accada nel mondo, anche quando non è vero, pur di far credere ai suoi nemici di disporre di una rete capillare di "cellule dormienti" pronta ad agire in tutto il mondo; il che è vero e falso allo stesso tempo; nel senso che il Califfato non ha combattenti militarmente addestrati sparsi in ogni dove, essendosi ridotto ad un pugno di uomini; ma grazie alla propaganda telematica riesce a "radicalizzare" indirettamente e persino inconsapevolmente qualsiasi musulmano pazzo - perchè solo un matto, addestrato o "lupo solitario", può decidere di commettere stragi e poi di suicidarsi - sparso per il pianeta, trasformandolo in un potenziale combattente. La strage di Nizza ha dimostrato che non serve avere mitra o bombe per commettere una carneficina...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Matite indelebili: chiedeva trasparenza, è stata denunciata
cc in azione a san biagio di agrigento

Matite indelebili: elettrice protesta, finisce denunciata

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica
la lettera di un militante di palermo

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"
Il tycoon reagisce alle polemiche

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"

Ciaone, Hollande. Il presidente se ne va
in crollo verticale nei sondaggi

Ciaone, Hollande. Il presidente se ne va


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU