bullismo o terrorismo?

Strage di Monaco: per la polizia l'Isis non c'entra

La Kriminalpolizei getta acqua sul fuoco e punta sulla pista del bullismo. Il giovane iraniano? "Problemi psichici e passione per le stragi. I vicini dicono che era tranquillo". S'è visto...

Alfredo Lissoni
Strage di Monaco: per la polizia l'Isis non c'entra

Non un terrorista 'classico', indottrinato da qualche ideologia jihadista o comunque estremista, ma un giovane con problemi psichiatrici e vittima di bullismo, con una passione per le stragi alla Breivik. Questo il ritratto che fornisce la polizia tedesca del 18enne tedesco di origini iraniane, con la faccia da bambino, responsabile della strage dei suoi coetanei a Monaco. La pista islamica dell'attentato al centro commerciale, in cui sono rimaste uccise nove persone, si è dissolta con il passare delle ore, anche perché è stato accertato che Ali Sonboly, questo il nome del killer, ha agito da solo, prima di togliersi la vita.


Le autorità hanno confermato che non risultano al momento legami con l'Isis, che invece si era schierato con l'attentatore di Nizza ed il giovane afghano responsabile dell'assalto ad un treno regionale tedesco. Ali, in effetti, non proveniva da un ghetto. Con la sua famiglia - il padre tassista, la madre impiegata in un grande magazzino ed un fratello - viveva in un quartiere dignitoso alla periferia della città. Non era un profugo, ma godeva della doppia cittadinanza. Almeno all'apparenza, un tipo tranquillo, sorridente, che andava a scuola vicino casa e consegnava giornali per arrotondare, come riferiscono i vicini ed i compagni. Non aveva mai avuto problemi con la polizia. Sotto questa patina di normalità, invece, covava una personalità oscura. A partire dai problemi psichiatrici ed una depressione, per i quali era in cura.


A scuola, inoltre, le cose non andavano bene. Non aveva superato l'esame finale, venerdì scorso. E soprattutto, era stato vittima di bullismo da parte dei compagni. "Per sette anni, a causa vostra", ha denunciato lui stesso in un concitato scambio di battute con una persona ripreso in un video. Anche un ex compagno ha rivelato che Ali prometteva sempre di uccidere i bulli che lo tormentavano. Come se non bastasse, la passione per le stragi: molto tempo trascorso davanti al pc utilizzando giochi di sparatorie e del materiale a casa su Winnenden (15 morti in una scuola vicino a Stoccarda per mano di uno studente) e su Utoya, in Norvegia, compiuta dall'estremista di destra Anders Breivik (69 morti), di cui proprio venerdì cadeva il quinto anniversario. Nei suoi scaffali, anche un libro dal titolo premonitore Furia nella testa: perché gli studenti uccidono.


Questo mix di rancore e passione omicida l'ha condotto oltre il precipizio. Per prima cosa, ha postato su Facebook un messaggio-esca su cibo gratis al ristorante McDonald's vicino al centro commerciale, per attirare le sue potenziali vittime. Poi ha portato a termine il suo piano di vendetta sparando all'impazzata con una pistola e 300 colpi: nove vite spezzate, otto ragazzi tra i 15 ed i 21 anni e una donna, e almeno 27 feriti. Tra i morti ci sono anche tre turchi. Proprio gli studenti di origine turca e araba, a quanto sembra, sarebbero stati tra i persecutori di Ali. Così, il giovane con la faccia da bambino che gridava "sono tedesco" ha deciso di punirli, prima di farla finita a sua volta. Questa, almeno, la versione fornita ai media dalla polizia.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Matite indelebili: chiedeva trasparenza, è stata denunciata
cc in azione a san biagio di agrigento

Matite indelebili: elettrice protesta, finisce denunciata

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica
la lettera di un militante di palermo

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"
Il tycoon reagisce alle polemiche

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"

Ciaone, Hollande. Il presidente se ne va
in crollo verticale nei sondaggi

Ciaone, Hollande. Il presidente se ne va


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU