Vittima dell'odio

Sfida la sharia: picchiata a sangue e costretta a fuggire

L'attrice Loubna Abidar: "Islam ossessionato dal sesso". Massacrata di botte in Marocco per aver interpretato una prostituta in un film

Alessio Colzani
Sfida la sharia: picchiata a sangue e costretta a fuggire

Loubna Abidar a Parigi per la cerimonia dei Cesar awards 2016. Foto ANSA

Loubna Abidar, attrice marocchina di 31 anni, protagonista del film "Much Loved", è stata minacciata e picchiata nel suo paese per aver osato incarnare nella pellicola, diretta da Nabil Ayouch e presentata alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes l'anno scorso, la vita delle prostitute di Marrakech. L'attrice, che si è rifugiata in Francia dopo essere stata costretta a fuggire dal suo paese natale, ha raccontato la propria storia nel libro "Dangerous", un'autobiografia nella quale emergono i ricordi della sua infanzia, il debutto sul palcoscenico, ma anche la violenza subita lo scorso novembre e la sua lotta per la libertà, soprattutto per le donne, in Marocco e in altre parti del mondo arabo.

La sua interpretazione, considerata un disonore secondo il Marocco islamico, le è costata prima un rapimento e poi un pestaggio a Casablanca da parte di alcuni uomini che l'avevano riconosciuta, dopo il quale nessun ospedale voleva accoglierla perché considerata "puttana" e non attrice. Visto che anche la polizia marocchina si prendeva gioco di lei, Loubna ha deciso di fuggire dall'incubo dell'islam e trasferirsi in Francia, dove ha potuto scrivere la propria storia. Nell'autobiografia ricorda i ripetuti stupri da parte di suo padre, le percosse ricevute e la beffa peggiore, quella del destino, che l'ha fatta nascere donna in una famiglia che invece attendeva un maschio per poter salvare il proprio onore.

"Sono stata costretta a scrivere il libro dai media marocchini, che dopo la presentazione di Much Loved l'anno scorso a Cannes hanno raccontato ogni genere di falsità su di me - ha spiegato in un'intervista al Corriere della Sera - Per esempio che sarei davvero una prostituta. Non perdonano a me e al regista Nabil Ayouch di avere raccontato la grande ipocrisia del mondo arabo, l’ossessione per il sesso tra divieti e prostituzione, anche infantile; le orge con i ricchi sauditi che vengono da noi per ubriacarsi". Dopo la pubblicazione del libro, Loubna è ancora di più nel mirino dell'islam, che l'ha messa al bando: "Le cose sono cambiate, sono diventate più estreme, c'è troppo odio. Subiamo l'influsso delle emittenti di Arabia Saudita e Qatar che parlano male delle donne e del sesso, che spiegano ai mariti come convincere la sposa ad accettare altre tre mogli". Un inferno che non si può chiamare vita, quello delle donne islamiche costrette a nascondersi dietro un burqa: "Lì dentro ti senti chiusa come in una gabbia - conclude nell'intervista al Corriere - non si riesce nemmeno a respirare".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Un caffè in lingua cittadina
Com'è buona la nostra parlata

Un caffè in lingua cittadina

Missili sulla Siria, il video
crisi internazionale

Missili sulla Siria, il video

La crisi della Siria? La solita corsa al petrolio
il motivo dello scontro spiegato in 10 minuti

La crisi della Siria? La solita corsa al petrolio

Attacco in Siria, Salvini: "Pazzesco, fermatevi!"
l'appello del leader del carroccio

Attacco in Siria, Salvini: "Pazzesco, fermatevi!"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU