ANIMALI ASSASSINATI

Orrore a Spinea, schiacciate e massacrate centinaia di bestiole

Due raid nelle scorse notti all’Oasi di Spinea (Venezia), galline decapitate, porcellini d’India schiacciati da ignoti. Il proprietario distrutto dal dolore

Alex Bazzaro
Enrico Piva mostra i corpi straziati degli animali uccisi dai vandali

Foto ANSA

Crudeltà inaudita. I piccoli roditori riversi a terra a decine. I loro compagni superstiti, che sembrano capire quanto sia accaduto, annaspano a fatica tra i cadaveri straziati. Qua e là oche uccise con il collo spezzato, una gallina decapitata e corpi di conigli calpestati a morte. Non è lo scenario di un film horror di bassa qualità ma ciò che si è presentato agli occhi di Enrico Piva, responsabile dell’associazione "Sos Natura", che da anni in provincia di Venezia accoglie e cura gratuitamente i porcellini d’india e altri animali, che si offre di ritirare da tutto il Veneto, per salvarli dall’abbandono e prendersene cura.

Il dolore e le lacrime che rigano il suo volto, testimoniano, quanto amore e quanta dedizione quest’uomo e gli altri volontari, dedichino al centro. Ma non è bastato tutto questo a fermare i criminali che, in due notti tra domenica e lunedì, hanno ammazzato a schiacciando con i piedi o con corpi contundenti le indifese creature. Il lavoro dei volontari per pulire le tracce di sangue e accudire i pochi sopravvissuti continua senza sosta.


La propria rabbia e impotenza Piva l'ha sfogata in due video su Facebook, subito divenuti virali, in cui mostra le immagini del massacro e i corpi spezzati dei poveri animali con un ammonimento: "Se è l’opera di un umano, sappi che prima o poi ti trovo. E ti faccio fare la stessa fine: non mi interessa se mi mettono in carcere, devi pagare per questo". La rabbia dei cittadini di Spinea, e non solo, è subito sfociata sui social, frasi pesanti, dettate dal grave choc e dalle immagini forti che Enrico ha condiviso con i video e le fotografie. Nella sezione dedicata ai commenti, molte persone trascrivono pensieri arrabbiati e minacciosi come: "Non finisce qui", "La bestia sta su due zampe e si chiama uomo", e ancora, "Tolleranza zero".

Sull’accaduto indagano i Carabinieri di Spinea e Mirano, che stanno cercando di capire i possibili moventi e autori della strage, mentre il mondo politico e dell’associazionismo cittadino è già in movimento per dare aiuto concreto ad Enrico e a suo padre, che da anni gestiscono a titolo gratuito il centro. Di fronte ad un massacro crudele e vile, sfociano la rabbia e il dolore che prendono sopravvento. Quei minuscoli corpicini indifesi, schiacciati e distrutti, quelle vite spezzate dalla cattiveria dell’uomo, meritano e devono ottenere giustizia.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bologna, l'avvocatessa con velo torna in aula. Col velo
la giustizia non è uguale per tutti

Bologna, l'avvocatessa con velo torna in aula. Col velo

Sbaglia l'assegno per il funerale del nonno, lo Stato lo maximulta
accusato di aver violato le norme antiriciclaggio

Sbaglia l'assegno per il funerale del nonno, lo Stato lo maximulta


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU