la Gran Bretagna non arretra

Brexit, Boris Johnson conferma l'avvio dell'iter di uscita dall'Ue all'inizio del 2017

Il ministro degli Esteri britannico ed ex sindaco di Londra si è detto convinto che la procedura possa essere portata a compimento prima del termine dei due anni

Redazione
Brexit, Boris Johnson conferma l'avvio dell'iter di uscita dall'Ue all'inizio del 2017

Boris Johnson. Foto ANSA

Il ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, è convinto che l'iter per la Brexit inizierà nelle prime settimane del 2017. Intervistato giovedì 22 settembre da SkyNews, Johnson ha detto che l'articolo 50 dei Trattati Ue "verrà attivato all'inizio dell'anno prossimo". Nel colloquio con Sky, l'ex sindaco di Londra ha evitato di dare scadenze precise, ma ha assicurato che, una volta partiti i negoziati con Bruxelles, la Brexit potrà essere portata a compimento in meno di due anni, termine massimo indicato dal Trattato di Lisbona dal momento dell'attivazione dell'articolo 50.

Nelle settimane scorse anche la premier Theresa May aveva lasciato intendere che l'avvio della procedura sarebbe potuta scattare a inizio 2017, evitando però di dare alcun riferimento temporale. In seguito, una fonte di Downing Street si è poi rifiutata di confermare l'ipotesi di "gennaio o febbraio", avanzata pubblicamente dal presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk dopo una faccia a faccia con la stessa May. Johnson da parte sua si è mostrato un po' meno cauto. "Entro la prima parte dell'anno - ha detto a Sky - vedrete che la lettera per l'attivazione dell'Articolo 50 sarà inviata e sono sicuro che in quella lettera saranno definiti i parametri su come noi proponiamo di andare avanti".

Il capo del Foreign Office ha quindi ricordato il termine dei due anni previsti per la durata del negoziato, ma ha aggiunto: "Io non credo che in effetti avremo bisogno di impiegare gli interi due anni". Quindi è tornato a dichiarasi ottimista sull'epilogo del divorzio: "Potremo beneficiare - ha sostenuto - di fantastiche opportunità per il libero commercio anche con i nostri amici nell'Ue". Del resto, ha insistito, "non solo noi compriamo più auto tedesche di chiunque, ma beviamo più vino italiano di chiunque. E loro non metteranno tutto questo a rischio".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà
Repubblica ceca: tre importanti iniziative in nome della libertà

Praga: l'SPD chiede un referendum per uscire dalla Ue

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"
Il tycoon reagisce alle polemiche

Trump alla Cina: "Pensate ai dazi vostri"

Ciaone, Hollande. Il presidente se ne va
in crollo verticale nei sondaggi

Ciaone, Hollande. Il presidente se ne va


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU