l'ex premier osanna la "linea europeista"

Presidenziali francesi, Letta "gufa" contro Le Pen

Enrico-stai-sereno pontifica comodamente da Parigi: "Marine? Continua a rappresentare una parte importante dell'elettorato francese, ma sempre minoritaria". Alla faccia...

Redazione
Presidenziali francesi, Letta "gufa" contro Le Pen

Foto ANSA

"Questo 23 aprile è la risposta al 23 giugno e all'8 novembre del 2016, quando l'Europa toccò il punto più basso con il disastro di Brexit e Trump. Grazie alla saggezza dei francesi e al coraggio di Macron, che non è un euro-tiepido e che ha sfidato la paura, la sua vittoria rilancerà l'Europa. Il secondo turno sarà un vero e proprio ballottaggio sull'Europa, pro o contro". Rilegge a modo suo il risultato delle presidenziali francesi, l'ex premier Enrico Letta, intervistato dal Corriere della Sera. E se la gioca tutta in funzione pro-Europa. Una chiave di lettura a dir poco opinabile.


Letta, che a Parigi dirige la Scuola di affari internazionali di Science Po, è convinto che al ballottaggio vincerà Macron perché "Le Pen ferma la sua corsa. Il cambio di passo non c'è stato. Non le è riuscita l'operazione di uscire dal solco del padre. Continua a rappresentare una parte importante dell'elettorato francese, ma sempre minoritaria, attorno alla quale tutti gli altri fanno sbarramento. Era così per Jean-Marie Le Pen ed è così per la figlia. Magari non finirà 80 a 20, come nel 2002 con Chirac. Ma la direzione è quella".


Incurante dell'ottimo risultato ottenuto dalla leader del Front National e glissando sul fatto che, una volta di più, per batterla tutti i partiti, di destra e sinistra, dovranno unirsi, tutti contro uno, Enrico-stai-sereno assicura che con Macron "vedremo un forte rilancio dell'iniziativa dell'Europa sulla base dell'asse franco-tedesco. Sia Merkel che Schulz sono su una linea molto più europea di ieri e tutto lascia intendere che, alle elezioni di settembre in Germania, vinca una linea europeista. La Ue si stava debilitando e sgretolando, distrutta dallo status quo. Il 2017 sarà l'anno della riscossa, del rilancio auspicato da Draghi". L'ex presidente del Consiglio sembra quasi creder,e veramente a questa balla.


E guardando all'Italia, osserva che "da noi la bandiera dell'europeismo praticamente è rimossa e l'instabilità politica, che rischia di arrivare con una legge elettorale come questa, ci allontanerà dal rilancio che Macron e i tedeschi innescheranno".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire
"non si può stare col capo coperto"

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire

Iwobi: "Gentiloni, quali sarebbero i 'risultati importanti' sull'immigrazione?"
"Pd partito dell'illegalità e della clandestinità. Salvini premier"

Iwobi: "Gentiloni, quali sarebbero questi 'risultati importanti' sull'immigrazione?"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU