Intervista all'assessore lombardo

Donne contro Marine Le Pen, Beccalossi: "Tristi. Dovrebbero applaudirla"

Dopo le polemiche per il rifiuto di indossare il velo davanti al gran mufti: "Ha agito da donna libera, che non si fa imporre da nessuno come vestirsi e cosa indossare". Sulle femministe anti Trump: "Signore di una certa età che non hanno digerito la sconfitta di Hillary"

Marco Dozio
Donne contro Marine Le Pen. Beccalossi: "Tristi. Dovrebbero applaudirla"

Foto ANSA

Viviana Beccalossi, assessore della Regione Lombardia: Marine Le Pen si è rifiutata di indossare il velo davanti al gran mufti del Libano, il quale a sua volta si è rifiutato di incontrare una donna col capo scoperto. Quello della Le Pen parrebbe un gesto a tutela della dignità della donna. Eppure è stata subissata di critiche e dileggiata anche dalle cosiddette femministe.
Marine Le Pen ha agito come qualunque donna libera. Libera di non farsi imporre da nessuno come vestirsi e cosa indossare. Come ha giustamente ricordato, si trovava in Libano per una serie di visite ufficiali e aveva già comunicato la sua intenzione di non indossare il velo. Credo che chi ha cercato di imporglielo abbia voluta provocare una reazione e così è stato. Piuttosto, è triste vedere come le cosiddette ‘femministe’, che si autodefiniscono sempre e comunque come l’unica voce per difendere le donne, critichino proprio la Le Pen che semplicemente non ha accettato un’imposizione. Avrebbero dovuto applaudirla, ma evidentemente fanno politica…

Il velo islamico è un simbolo di sottomissione della donna, al di là del fatto che venga indossato volontariamente?
Se una donna decide volontariamente – e non è cosa da poco dire volontariamente – di indossare il velo, posso anche rispettare la sua scelta, se questa non provoca problemi legati alla sicurezza, come è il caso del velo integrale che abbiamo giustamente vietato in Lombardia. Mi piacerebbe però sapere quante sono le donne che sono davvero libere di scegliere se indossarlo o meno. Inoltre, il rispetto per gli altri deve essere sempre reciproco. Nessuno può imporci di ‘aprirci’ per legge ad altre culture e tradizioni, soprattutto se pensiamo come vengono trattati i cristiani in alcuni Paesi dove il solo fatto di non essere musulmani è un rischio per la propria vita.

Come giudica la mobilitazione mondiale delle femministe contro Trump, le quali poi restano silenti di fronte alla violazione dei diritti della donna nell'Islam, anche nelle comunità islamiche in Occidente?
È una storia vecchia. Queste signore, quasi sempre di una certa età e veterane di mille battaglie, pensano di rappresentare tutte le donne, mentre in realtà non hanno digerito la sconfitta elettorale di Hillary Clinton. Mi risulta che Trump, piaccia o meno a loro, sia il legittimo presidente degli Stati Uniti e certo non si farà intimidire da qualche manifestante accalorata. È uno spartito che sentiremo suonare spesso nei prossimi anni, perché queste persone hanno a cuore la democrazia solo quando vince la propria parte politica. Certo, occuparsi della condizione della donna musulmana in Occidente richiederebbe maggiore fatica e dai salotti bene è certamente più difficile farlo.  

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Salvini: "I furbetti non possono vivere a spese degli altri"
Solidarietà da parte del Ministro dell'Interno

Salvini: "I furbetti non possono vivere a spese degli altri"

I populisti sfondano anche nella Repubblica Ceca
scomparsi i comunisti, un solo seggio all'ano

I populisti sfondano anche nella Repubblica Ceca

Perucchietti: "Soros? Specula per distruggere l'Occidente"
intervista esclusiva / il vero volto della storia

Perucchietti: "Soros? Specula per distruggere l'Occidente"

Reddito di cittadinanza M5S, Borghi: "Una pacchia per immigrati e rom"
Intervista al responsabile economico della Lega

Reddito di cittadinanza M5S, Borghi: "Una pacchia per immigrati e rom"


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU