Tragedia in Franciacorta

Marocchino accoltella a morte volontaria di una cooperativa in provincia di Brescia

La vittima, da due anni operatrice all'interno della comunità di assistenza "Cascina Clarabella", è stata ammazzata con un coltello dal paziente straniero

Redazione
Immigrato marocchino accoltella a morte la volontaria di una cooperativa nel Bresciano

Una ragazza di 25 anni è stata accoltellata a morte martedì nel Bresciano a Clusane, frazione di Iseo, centro turistico della Franciacorta che dà il nome all'omonimo lago. La vittima, operatrice volontaria all'interno della comunità protetta ad alta assistenza "Cascina Clarabella", è stata colpita ripetutamente con un coltello da un immigrato marocchino di 54 anni, paziente presso la medesima struttura, a quanto sarebbe emerso dalle prime ricostruzioni dei carabinieri per futili motivi.

La ragazza lavorava come volontaria presso la comunità da due anni mentre lo straniero, regolarmente residente da anni in Italia, sarebbe affetto da problemi psichiatrici per i quali era in cura presso la stessa struttura, una cooperativa agricolo-sociale che si occupa dell'inserimento nel mondo del lavoro di persone colpite da patologie mentali che necessitano di trattamenti terapeutici riabilitativi. L'uomo è stato messo in stato di fermo dai militari dell'Arma della stazione di Chiari.

La Lega aveva protestato, negli scorsi anni, contro la presenza di clandestini a Cascina Clarabella. La cooperativa di gestione ha infatti una convenzione con la Prefettura di Brescia per l'accoglienza e la tutela degli immigrati provenienti dal Nordafrica. "Per gestire 22 presunti profughi si spendono 277.300 euro all'anno" diceva il segretario leghista della Franciacorta Damiano Gandossi nel luglio 2015, nel corso di una manifestazione a Corte Franca, presso la sede legale della Cascina.

La situazione dell'accoglienza in provincia di Brescia al primo novembre 2016, con evidenziate in rosso le strutture gestite dalla cooperativa "Cascina Clarabella" (da "Brescia Oggi"):

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo
soccorsi e portati in un campo profughi a Khoms

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Vos Thalassa, fermati i due facinorosi
salvati, han ringraziato a pugni

Vos Thalassa, fermati i due facinorosi

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU