Brexit, il commento del Capitano

Salvini: "Schiaffone a Napolitano, Monti e Renzi. Faremo votare anche gli italiani"

Per il segretario del Carroccio "questa è l'ultima chance per cambiare". Il leader della Lega auspica che l'Italia non sia l'ultima ad abbandonare la barca

Redazione
Brexit, Salvini: schiaffone a Napolitano, Monti e Renzi. Raccolta firme per permettere anche agli italiani di esprimersi

Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini. Foto ANSA

"Evviva il coraggio dei liberi cittadini! Cuore, testa e orgoglio battono bugie, minacce e ricatti. Grazie Uk, ora tocca a noi". Con queste parole Matteo Salvini, leader della Lega e primo tra i politici italiani, ha commentato l'esito del referendum britannico che ha deciso per l'uscita dall'Ue. "Da Londra arriva uno schiaffone ai Napolitano, ai Monti, ai Renzi, per cui l'Europa è roba nostra e gli italiani non si devono pronunciare", ha detto. "L'Ue dovrebbe cambiare a prescindere, ma con la vittoria della Brexit sarebbe costretta a farlo. Altrimenti qui tirano in lungo per altri mesi senza entrare nel merito. La Brexit", ha aggiunto Salvini, "sarebbe, paradossalmente, per assurdo, l'ultima ancora di salvezza per l'Europa. Altrimenti, questi fanno finta di niente. Ma oggi, prima di tutto, provo profonda invidia, perché gli inglesi votano a differenza degli italiani che secondo Renzi e la Costituzione non possono dire nulla. Quanto a me spero vinca l'orgoglio, il lavoro, il futuro quindi il 'leave'. Vediamo come finisce".

"Dopo il libero voto britannico a maggior ragione a ottobre voterò No al referendum sulla pessima riforma di Renzi, che continua a impedire agli italiani di esprimersi su ogni scelta che arriva da Bruxelles. Le donne e gli uomini liberi, non schiavi, né servi votano No" sostiene ancora Salvini. Premesso che "siamo costruttivi" ma "o l'Europa si ferma, prende in mano i Trattati, li cambia e li riscrive, oppure ogni popolo va sulla sua strada. Dopo gli inglesi ci saranno gli olandesi, poi i francesi... l'importante è che gli italiani non siano gli ultimi ad abbandonare la barca", ha detto ancora il leader della Lega. Salvini ha parlato del voto britannico come di un esercizio "di democrazia" e ha auspicato che anche in Italia si possa votare sull'argomento perché la Costituzione vieta di esprimersi sui trattati internazionali: "Andremo fuori dal Parlamento per raccogliere le firme per una legge di iniziativa popolare per permettere anche agli italiani di votare", ha detto. 

La Lega inizierà quindi una raccolta di firme per una proposta di legge di iniziativa popolare che consenta agli italiani di esprimersi sui trattati europei sul modello del referendum inglese sulla Brexit: "Io ho qua l'emendamento che più di una volta abbiamo presentato sia alla Camera sia al Senato in sede di riforma costituzionale che andava a permettere agli italiani di poter votare anche su trattati europei. Cosa che la Costituzione impedisce. Emendamento più volte bocciato da Renzi e dal PD" per questo, ha spiegato Salvini, "noi riproveremo fuori da Parlamento a raccogliere le firme per una proposta di legge di iniziativa popolare che permetta agli italiani di votare".

Matteo Salvini ha sottolineato che "ieri Grillo ha fatto l'ennesima capriola. I 5 stelle si mettessero d'accordo con se stessi". Lo ha detto in conferenza stampa, aggiungendo che "ieri Grillo sul blog ha avuto un posizione tiepidina, un po' scettica" sull'uscita dall'Europa. "Noi su questo non abbiamo mai cambiato idea, ho sempre detto che avrei votato leave", ha ribadito. "Anche Forza Italia deve chiarire che scelta fare: o stai con la Merkel, con le banche, coi massoni, coi finanzieri, con gli speculatori o stai con l'Europa dei popoli". Così Salvini questa mattina. "Renzi - ha sottolineato il leader della Lega - ha già scelto di stare coi pochi potenti e di allontanarsi dai cittadini. L'alternativa a Renzi non si può permettere ambiguità".

"Questa Unione Europea è una gabbia di matti, è la morte del nostro lavoro, della dignità". Lo ha affermato ai microfoni di "24 Mattino" su Radio 24. "Più sberloni arrivano - ha detto - a questa Unione Europea, controllata da pochi sulla testa di molti, meglio è. Capisco che questo sia il giocattolino dei Napolitano, dei Monti, dei Prodi, però i giocattolini fatti male fanno i conti con la storia e con i popoli". E a Napolitano che ha fatto un appello perché i politici non soffino sul fuoco e dimostrino autocontrollo, Salvini ha replicato: "Autocontrollo cosa vuol dire? Non capisco, cosa dovrei fare? Essere costernato, affranto, dispiaciuto perché crolla un grande sogno, un grande ideale? Allora ci dicano che la democrazia non è prevista".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

È morto Fidel Castro
cuba piange il lider maximo

È morto Fidel Castro

Fidel è morto
la vignetta di krancic

Fidel è morto


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU