dibba o di maio?

Sgomento Cinquestelle: chi prenderà il posto di Di Maio?

Silvestri: ''Diciamo di Grillo ma non è un fatto di collocazione perché una gestione collegiale non è soltanto Grillo che la vuole''

Redazione
Sgomento Cinquestelle: chi prenderà il posto di Di Maio?

''Tutti i passaggi fondamentali del M5s sono stati fatti con gli iscritti. E questo non farà eccezione. Su chi sarà il prossimo capo politico, al momento poco appassiona, è più un fatto mediatico che reale. Ma invece adesso è importante capire che strumenti avrà il futuro capo politico''. Lo dice intervistato da Il Tempo, Francesco Silvestri, deputato M5s a proposito del dibattito sulla corsa alla nuova leadership del Movimento. ''E tra questi, sicuramente, io - sottolinea - prediligo una sorta di collegialità di persone che gli diano supporto. Esempio. Di Maio ha fatto un ottimo lavoro ma ha ereditato un ruolo per cui non si sapeva chi doveva aiutarlo e chino, e questo ha pagato in un certo senso''.

Sul fatto che stia prendendo corpo l'idea di un congresso del Movimento e sul ruolo di Di Battista dichiara: ''Di Battista non è mai stato solo. E una risorsa essenziale nel Movimento che ha fatto delle scelte che l'hanno reso distante per un po' di tempo. Ma un movimento che ambisce a riorganizzarsi e continuare ad affermarsi nello scenario politico ha bisogno di Alessandro Di Battista come ha bisogno di tutte le sue componenti''. ''E' ovvio - prosegue Silvestri - che dopo circa sette anni di attività frenetica che ci hanno visto partire dal più piccolo consiglio municipale e arrivare alla governo nazionale passando per un'opposizione accanita e tante esperienze regionali con sindaci di grandi città, abbiamo bisogno di fermarci, dirci in maniera schietta quali problemi abbiamo incontrato per poter riorganizzare un movimento che ha pagato un po' la velocità con cui s'è evoluto''.

Silvestri afferma poi di sostenere la linea Grillo - governativi piuttosto che la linea Casaleggio-Di Battista: ''Diciamo di Grillo ma non è un fatto di collocazione perché - spiega - una gestione collegiale non è soltanto Grillo che la vuole''. ''Il fatto è che - conclude - qualsiasi capo politico che non ha un supporto collegiale dietro rischia di non farcela. Poi va da sé che un cambiamento passa per le revisioni statutarie".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

Bergamo, coop dell'accoglienza nella bufera. Lega sulle barricate
inchiesta sui fondi per i richiedenti asilo

Bergamo, coop dell'accoglienza nella bufera. Lega sulle barricate

Il ponte di Genova resta ai Benetton
tante sceme dei pentastellati e poi...

Il ponte di Genova resta ai Benetton


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU