RATZINGER PROFETICO

Benedetto XVI ci aveva avvertiti: "La Turchia non c'entra con l'Europa"

Già nel 2004, il Papa disse che la Turchia non è (e non sarà mai) Europa. Le sue riflessioni storiche e culturali si sono rivelate, perciò, ancora una volta attuali. Anche se, forse, gli sono costate il soglio pontificio

Francesco Vozza
Benedetto XVI ci aveva avvertiti: "La Turchia non c'entra con l'Europa"

“Storicamente e culturalmente la Turchia ha poco da spartire con l’Europa: perciò sarebbe un errore grande inglobarla nell’Unione Europea. Meglio sarebbe se la Turchia facesse da ponte tra Europa e mondo arabo oppure formasse un suo continente culturale insieme con esso.”. Così disse Papa Benedetto XVI di fronte agli operatori pastorali di Lugano, nel 2004.

La sua approfondita analisi sui rapporti tra lo stato turco ed il continente europeo continuava così: “L’Europa non è un concetto geografico, ma culturale, formatosi in un percorso storico anche conflittuale imperniato sulla fede cristiana, ed è un fatto che l’impero ottomano è sempre stato in contrapposizione con l’Europa. Anche se Kemal Ataturk negli anni Venti ha costruito una Turchia laica, essa resta il nucleo dell’antico impero ottomano, ha un fondamento islamico e quindi è molto diversa dall’Europa che pure è un insieme di stati laici ma con fondamento cristiano, anche se oggi sembrano ingiustificatamente negarlo. Perciò l’ingresso della Turchia nell’UE sarebbe antistorico.”. In seguito ai recenti fatti accaduti con Erdogan, la storia sembrerebbe aver dato ancora una volta ragione a Benedetto XVI. Ciò nonostante, è purtroppo innegabile che le sue idee gli siano costate molto care all'interno della Chiesa.

Ratzinger, infatti, fu al centro di una pesantissima polemica internazionale con le comunità islamiche di tutto il mondo, subito dopo aver pronunciato il celebre discorso all'università di Ratisbona, nel 2006: in quell'occasione il Papa si schierò apertamente contro le guerre combattute in nome della religione e citò una frase di un imperatore bizantino che metteva in discussione l'operato di Maometto. A questo fatto, seguirono delle scuse ai musulmani, sollecitate anche dai vertici della chiesa cattolica. E, da quel momento, si dice che in molti all'interno del Vaticano lavorarono in gran segreto per liberarsi di Benedetto XVI... Ma queste, in fondo, sono solo illazioni che nessuno potrà mai (forse) confermare. 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Albergatore offre ospitalità ai terremotati italiani? "Razzista!"
Intervista al titolare dell'Agriclub di Venaus

Albergatore offre ospitalità ai terremotati italiani? "Razzista!"

La Kyenge gonfia il petto e sbraita contro la Lega
Un bel tacer non fu mai scritto

Kyenge alla riscossa. Contro la Lega

Immigrazione, il libro verità: "Ecco quello che non vi dicono"
Intervista al co-autore Gianandrea Gaiani

Immigrazione, il libro verità: "Ecco quello che non vi dicono"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU