Batoste non metabolizzate

Per la Boschi il Jobs Act e la riforma costituzionale sono meravigliosi: "Gli italiani non ci hanno capito"

Il sottosegretario parlando alla festa del PD a Milano minimizza i disastri del suo governo e riduce tutto a un problema di comunicazione, nonostante dalla sua abbia avuto Tv e giornaloni

Marco Dozio
Per la Boschi il Jobs Act e la riforma costituzionale sono meravigliosi: "Gli italiani non ci hanno capito"

Foto ANSA - Boschi abbraccia Pisapia alla festa del PD di Milano

I fallimenti di Renzi e della Boschi? Non esistono. O esistono solo nella mente di faziosi populisti. E se il 4 dicembre gli italiani hanno clamorosamente spedito a casa il governo Renzi, è perché non hanno capito le meraviglie fin lì prodotte. Il volto di quel disastro referendario e governativo, Maria Elena Boschi, non ha ancora metabolizzato la catastrofe. L’avesse fatto forse non si sarebbe prodigata per tornare al potere, oltretutto col cruciale ruolo di sottosegretario (o sottosegretaria secondo la neolingua boldriniana) alla presidenza del Consiglio. È successo che l’altra sera l’ex ministro abbia preso la parola alla festa del PD a Milano commentando (anche) quella debacle maestosa, che tra l’altro avrebbe dovuto decretarne la fine della carriera politica, promessa rimangiata in agile scioltezza come sappiamo.

Ebbene, la figlia dell’ex vicepresidente di Banca Etruria si è lanciata in improbabili lodi del Jobs Act, a suo dire strumento di formidabile efficacia nonostante il boom dei licenziamenti e gli effetti nulli sulla ripresa del mercato del lavoro, con l’Italia che resta fanalino di coda in Europa per crescita del Pil e disoccupazione giovanile, solo per citare due parametri da nulla. Entrando nel merito della riforma renzian-boschiana, la dirigente piddina ha sostanzialmente affermato che i contenuti erano sacrosanti e che l’unica pecca governativa, bontà sua, riguardava la comunicazione.

Ovvero Renzi e compagni non sarebbero stati abbastanza efficaci nel spiegare quanto fossero eccezionali le riforme messe a punto, sia sul fronte economico (Jobs Act) sia su quello costituzionale. Nonostante la martellante propaganda filo renziana di tv e giornaloni, dato che persino Mediaset era convintamente schierata per il sì al referendum come ammesso dallo stesso Berlusconi. E nonostante i cospicui quattrini investiti per abbeverarsi alla fonte dello spin doctor americano Jim Messina, maestro indiscusso nel perderle tutte da svariati anni e forse proprio per questo scelto dallo statista di Rignano. Mettiamoci poi la batosta storica delle ultime amministrative, con cui gli italiani hanno ribadito un concetto che ora dovrebbe essere chiaro a chiunque, anche al sottosegretario (pardon, sottosegretaria) Boschi.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU