Altro che guardie e ladri

Brescia, due rom e due poliziotti uniti nelle truffe agli autonoleggi

Prendevano auto utilizzando documenti falsi poi alla scadenza del contratto scappavano nei Balcani

Redazione
Brescia, due rom e due poliziotti uniti nelle truffe agli autonoleggi

Prendevano auto a noleggio utilizzando documenti intestati ad altre persone poi alla scadenza del contratto imboccavano la strada verso il confine di Trieste e lasciavo l’Italia con direzione i Balcani e l’est Europa. Quattro le persone raggiunte nei giorni scorsi dalla misura degli arresti domiciliari. Destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Lorenzo Benini sono due fratelli originari della ex Jugoslavia, 34 anni il maggiore e 26 il minore, residenti in campi nomadi della città e due italiani, entrambi di 35anni, guardie carcerarie a Canton Mombello al momento dei fatti contestati.

I quattro finiti ai domiciliari sarebbero gli attori principali di una ventina di truffe ai danni di diverse società di noleggio auto attive nel Bresciano. Con la complicità di altre persone, la banda si rivolgeva alle società di noleggio utilizzando documenti contraffatti: patenti e carte di identità di cui era stata denunciato lo smarrimento. Sui documenti veniva applicata di volta in volta la fotografia di chi si presentava all’autonoleggio. Una volta firmato il contratto il cliente faceva perdere le sue tracce e quelle dell’autovettura. Per i titolari degli autonoleggi oltre al danno arrivava anche la beffa. L’assegno bancario lasciato come cauzione di fatto era carta straccia visto che è sempre risultato appartenere a blocchetti di cui era stato denunciato lo smarrimento. 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Perfino Cacciari da ragione a Salvini
"PRIMA GLI INTELLETTUALI!"

Perfino Cacciari dà ragione a Salvini

Promessa sposa a dieci anni, indagato il padre cingalese
la ragazzina per disperazione si è tagliata i polsi

Promessa sposa a dieci anni, indagato il padre cingalese

Milano, mignotte "China" addio
giro di vite sui bordelli cinesi

Milano, mignotte "China" addio


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU