incontro con paolo valentino

Lezioni di gioia? Lezioni di Dogfulness. Ovvero come il cane ci insegna a vivere con giocosità libertà ed intraprendenza

0
Stefania Genovese

Stefania Genovese

Stefania Genovese, laureata in psicopedagogia e filosofia, ha ricevuto il premio internazionale "Zurich" dell'Università di Barcellona, per la sua tesi di laurea di indirizzo epistemologico sulla creazione dei miti moderni.

Autrice di programmi radiofonici sugli animali e curatrice di rubriche dedicate ai bambini. Ha diretto la rivista astronomica Kosmos e ha scritto numerosi articoli di divulgazione psicologica e scientifica sulle principali riviste italiane.

Lezioni di gioia? Lezioni di Dogfulness. Ovvero come il cane ci insegna a vivere con giocosità libertà ed intraprendenza

Esce in libreria un altro libro di Paolo Valentino, scrittore prolifico, che in questo nuovo livre de chevet immancabile nella biblioteca di un vero amante degli animali, ci regala una nuova visione del mondo attraverso gli occhi del migliore compagno dell'uomo, il cane. Abbiamo avuto il piacere di intervistare l'autore presso la libreria Mondadori di Saronno e abbiamo scoperto che...


D. Dalla Catfulness ovvero da come i gatti interpretano la vita alle Lezioni di dogfulness, questa volta sono i cani ad insegnarci una nuova appagante Ars vivendi?

R. Certamente, ma in una prospettiva diversa certamente dalla visione felina. Difatti se il gatto ci conduce all'introspezione all'imperturbabilità ad affrontare le gravi problematiche della vita con uno spitito zen contemplativo e pacato, e di conseguenza ci insegna a riflettere su noi stessi ed a conoscere il nostro Io interiore, il cane ci conduce invece verso il mondo della esplorazione e dell'incontro con gli altri. Tutto ciò l'ho sperimentato personalmente da quando convivo con due gatti e due cani. Soprattutto l'arrivo di Nicola e Fiamma, due simpatici barboncini che si relazionano con Panda e Shiro i due gatti, testimonial del metodo Catfulness, costituendo così una allegra famiglia allargata, mi ha fornito una nuova ispirazione rivoluzionaria.


D. Cosa dunque possiamo scoprire dai precetti e dai motti del nostro pet d'elezione, rispetto a ciò che ci può indicare il nostro micio domestico?

R. Tutto inizia dalle differenti caratteristiche insite nel cane e nel gatto: il cane ed il gatto sono lo yin e lo yang, la luce ed il giorno, due poli contrapposti che debbono reggersi in armonia ed in equilibrio affinchè si possa riconoscere e godere appieno dei momenti di gioia e di felicità nella nostra vita quotidiana. Per me scrivere questo libro è stato come "togliermi il guinzaglio"; ossia metaforicamente il nostro pet ci insegna a rifuggere dall'isolazionismo ma ad esplorare la socialità, interagire con gli altri ed aprirci con maggiore disponibilità e fiducia alle nuove esperienze relazionali. Soprattutto tutto finalizzato ad assaporare la quotidianità in maniera giocosa, tuffandosi nel mondo, non prendendosela se qualcosa va storto, concentrandosi sulle bellezze della natura da esplorare e riuscendo a dribblare le preoccupazioni. Il cane dunque ci insegna allo scambio di felicità, ad amare noi stessi così come siamo, a vivere dinamicamente lasciando scorrere le negatività per uscire da una stasi e far circolare l'energia. E soprattutto come è sottolineato nel titolo di un capitolo, occorre imparare a realizzare qualcosa di concreto e positivo per il nostro cane affinché entrambi si possa godere appieno del rapporto con lui.


D. Dunque, qui in Lezioni di dogfulness troviamo come voce narrante il cane, con una percezione soggettiva di benessere fluida ed attiva, anche scanzonata e più lieve, mentre in Catfulness il gatto ci offre l'adozione di stati mentali più contemplativi...

R. Sta proprio qui la differenza; entrambi hanno molto da insegnarci. La loro forza sta nella loro difformità caratteriale ed etologica: non per niente il gatto è il simbolo della forza individualista, della pacatezza, della riflessività, mentre il cane è iperattività, è incontro, è socialità pura. Come ho detto prima, entrambi si compemetrano con le loro peculiarità e generano una consapevolezza bilanciata ed appagante. Così per essere felici dobbiamo leggere in noi e gli altri questi aspetti peculiari e dicotomi dei nostri due pet, e saperli adottare alla circostanza. E soprattutto come si dice in Lezioni di dogfulness, non prendersi mai troppo sul serio e mai mai allontanare da noi lo spirito giocoso e condividerlo reciprocamente con gli altri. Il nostro benessere in questa società fluida e scostante sarebbe dunque di saper bene dosare l'atarassia, la quiete, assaporare il lento momento come il gatto, ma anche, come ci insegna il cane, uscire e passeggiare nel mondo (qualche volta correndo a perdifiato assaporando la libertà) sentendoci finalmente liberi di giocare per riscoprire noi stessi.


D. Nel libro c'è un capitolo speciale in cui parli di "cani che amano la vita"...


R. Infatti in questa parte finale del mio libro parlo di cani famosi come Hachiko il cane più fedele del mondo che aspettò per tutta la vita il suo padrone e a cui è stata eretta in Giappone una statua famosissima, sotto la quale ultimamente si acciambella, curiosamente un micio. Ma ci sono anche Balto e Togo che trasportarono medicine per curare la difterite in Alaska o il cane di Freud Jofi che aveva una certa dose di perspicacità psicologica, e persino Blondi il cane di Hitler, e per ultimi ma non meno importanti, non potevano mancare, i miei due barboncini che mi hanno aiutato a redigere questo libro.


.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU