la gente se ne è accorta e protesta

Clandestini a Capannori. Ospitati "silenziosamente" dal Comune

E meno male che due anni fa il sindaco PD aveva battuto i pugni sul tavolo per dire No all'invasione. Evidentemente ha cambiato parere

Alfredo Lissoni
Clandestini a Capannori.  Ospitati "silenziosamente" dal Comune

Una delegazione di immigrati assieme alle autorità comunali di Capannori. Dal sito del Comune di Capannori

Clandestini alloggiati a Capannori, in provincia di Lucca, in uno stabile lungo la via Romana. Quindici ospiti non particolarmente desiderati, che han fatto saltare sulla sedia i consiglieri comunali Marchi e Masini, rispettivamente dell’UDC e di Forza Italia. Che hanno presentato una mozione di protesta, spiegando:  “Non vuole essere una richiesta polemica quella presentata, né tantomeno razzista, ma giustamente sia il Consiglio Comunale che i cittadini devono conoscere i fatti e i costi che l’amministrazione o chi per essa devono sostenere".


"I cittadini si sono visti arrivare vicino a casa delle persone senza che l’Amministrazione si sia degnata di avvisare", hanno spiegato; "il sindaco parla di accoglienza e di integrazione, ma come fanno i cittadini ad essere tranquilli se vengono fatte le cose in silenzio da parte dell’Amministrazione, forse per paura di contestazioni da parte della cittadinanza, senza che nessuno sappia niente; dove è la trasparenza tanto decantata da Sindaco e Giunta?”.

 

Da un paio d'anni la provincia di Lucca si trova a fronteggiare l'arrivo di centinaia di richiedenti asilo. L’etnia principale è quella del nigeriani; seguono i pakistani e poi gli immigrati del Gambia, Mali, Ghana, Costa d’Avorio, Bangladesh, Guinea, Senegal, India, Afghanistan, Benin, Palestina, Camerum, Sierra Leone, Togo e Burkina Faso. Difficile, per buona parte di costoro, giustificare gli sbarchi con la scusa della guerra; molti scappano forse dalla miseria, ma non certo da un conflitto. Arrivano là  illusi dal sogno di una vita migliore, dalle panzane che qualcuno ha raccontato loro sul Belpaese, ma su una cosa hanno ragione: avranno un trattamento di favore, aiuti ed assistenza che non vengono forniti nemmeno agli italiani. Nella cittadina lucchese le nazionalità maggiormente rappresentate sono Marocco (1,86%), Romania (1,55%), Albania (1,50%) e Sri Lanka (0,92%). I cittadini provenienti da questi Paesi rappresentano infatti circa l’80% dell’intera popolazione immigrata.

Tanti. Per qualcuno troppi. Persino il sindaco PD di Capannori, Luca Menesini, nel 2014 era dovuto salire sulle barricate (il che è tutto dire) per dire no all’ipotesi di accogliere un alto numero di migranti presso la struttura ex Frati Comboniani di Carraia, poi sede del dipartimento della prevenzione Asl. "Il Comune di Capannori ha fatto la sua parte nell’accoglienza. Non accettiamo", aveva detto, "la requisizione di immobili né i diktat ministeriali o di livello locale. L’accoglienza si fa insieme ai sindaci, negli immobili che vengono scelti dagli amministratori locali. Sono favorevole all’accoglienza diffusa, con nuclei di 5-10 migranti, sparsi sul territorio, mentre non condivido grandi concentrazioni negli immobili o nelle tendopoli. Credo che tutti i Comuni oggi debbano fare la loro parte". Oggi pare aver cambiato parere, se è vero quanto sostiene l'Opposizione, che vada cioè "infilando" i clandestinbi nelle strutture pubbliche senza nulla dire alla popolazione...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU