Numeri impressionanti

L'invasione non si ferma: altri 4.000 clandestini traghettati nei porti italiani

Proseguono senza sosta gli arrivi: numerose navi continuano a imbarcarne sulle coste del Nordafrica. Arrivato in Puglia un veliero di pakistani

Redazione
L'invasione non si ferma: altri 4.000 clandestini traghettati nei porti italiani

La nave Rio Segura carica di clandestini. Foto ANSA

Solo nella giornata di lunedì 24 ottobre sono oltre 4.000 i clandestini traghettati in diversi porti italiani, dalla Puglia alla Sicilia. Continuano a fare la spola con le coste del Nordafrica, dove gli immigrati vengono caricati, la nave Dattilo che ha recuperato 434 cosiddetti "migranti", la nave Iuventa che ne ha traghettati 278 e la nave Rio Segura che ha raccolto 117 persone davanti alle coste libiche. Sulla nave Aquarius, inoltre, un carico di 520 clandestini destinati a Taranto, in attesa di nuovi recuperi.

Il mercantile Tanker Okyroe ha portato ad Augusta 758 persone; la nave Siem Pilot, è giunta a Palermo con con 1.117 immigrati; la nave Dignity I a Trapani con 552 persone; la nave Werra on 857 clandestini a Messina; la nave Corsi con 358 a Crotone; la nave Beckett con altri 650 migranti a Pozzallo, per un totale stimato di circa 4292 immigrati.

Come se non bastasse, in mattinata c'è stato a Santa Maria di Leuca lo sbarco di circa 120 clandestini arrivati a bordo di un veliero bialbero in prossimità di Punta Meliso, al largo della costa del Capo di Leuca. Sul posto hanno operato due motovedette della Capitaneria di porto di Gallipoli con il supporto dell'equipaggio di un gommone della Guardia di Finanza. Il primo ad accorgersi dello sbarco è stato un carabiniere che si stava recando al lavoro e che ha sentito le urla e poi un pescatore. Gli immigrati, quasi tutti di nazionalità pakistana, sono stati condotti nel porto di Santa Maria di Leuca.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina
Non sarà mai il nostro stile di vita

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU