Trump unica speranza

Il Re dei populisti salverà l'America

Comunità nera in rivolta, guerre in giro per il mondo, tensione alle stelle con la Russia ma il sorriso Democratico di Obama è benzina per la propaganda dell'establishment

Alessandro Morelli
Il Re dei populisti salverà l'America

Tanti a paventare i "pericoli" della possibile vittoria di Donald Trump alle prossime presidenziali Usa facendo finta di non sapere che negli Stati Uniti il periodo dell'amministrazione Obama è il più nero degli ultimo decenni.

Stasera ne parleremo ad Otto e Mezzo su La7 ospiti di Lilli Gruber con Vittorio Zucconi, direttore di Radio Capital, e Tania Mastrobuoni, corrispondente di Repubblica da Berlino in una trasmissione dedicata ai Populismi.

Comunità nera in rivolta, guerre in mezzo mondo, tensione alle stelle con la Russia tutti fanno finta di non accorgersi che il sorriso Democratico di Obama è l'apoteosi del disastro.

Chi oggi mette in guardia le masse dal "pericolo" Trump prendendo spunto dagli slogan elettorali del candidato Repubblicano alle prossime presidenziali forse non si accorge di quanto stia avvenendo in queste ore a Charlotte, città della Carolina del Nord, ultimo fronte della rivolta della comunità nera che segue le manifestazioni dell'estate a New York, Atlanta, Philadelphia, San Francisco e Phoenix e le vere e proprie rivoluzioni avvenute in Lousiana a seguito delle violenze ai danni di persone di colore.

Il leader nero per antonomasia non è stato in grado di gestire le crisi tanto che la situazione è diventata giorno per giorno sempre più drammatica fino ad arrivare al punto che nelle città del Paese considerato l'esempio della democrazia mondiale viene imposto il coprifuoco come nei periodi di guerra ma per i benpensanti nostrani questo è un aspetto secondario rispetto alle parole decise e forti di Trump. Mentre i caccia statunitensi colpiscono (con scuse) le postazioni siriane anti-Isis, causando morti e la reazione diplomatica di Mosca e il principale sospetto del tentato golpe turco, Fetullah Gulen, risiede negli Usa da parecchi anni per le anine belle dell'Occidente il pericolo sarebbe nelle espressioni colorite di Trump.

Non solo, Obama ammette: "Il mio più grande errore? Non avevo un piano in Libia". Ecco servita l'invasione dell'Europa per via italiana che sta modificando la demografia del Belpaese e causando l'innalzamento dei muri tra i vari Stati dell'Unione. Mentre Trump annuncia una barriera tra Stati Uniti e Messico, l'Europa sta facendo passi indietro di decenni sull'integrazione degli Stati membri a causa del sorriso Democratico di Obama che con il suo "errore" ha destabilizzato un'area fondamentale e dato la stura a politici della sinistra italiana per attuare la sostituzione di popolo in corso.

L'establishment usa il "sorriso Democratico" di Obama come benzina per la propaganda contro i populismi ma a novembre i nodi vengono al pettine.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Per il 25 aprile la Boldrini se la prende con Facebook
il paese affonda e lei pensa ai social

Per il 25 aprile la Boldrini se la prende con Facebook

Salvini: "Forza Marine! Il Popolo rialza la testa!"
Primo turno delle elezioni francesi

Salvini: "Forza Marine! Il Popolo rialza la testa!"

Le Pen-Israele. Un’amicizia che passa da Milano
ciò che certa stampa non ci dice

Le Pen-Israele, un’amicizia che passa da Milano


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU