La difesa dei ragazzi arrestati per l'aggressione agli egiziani

San Cono, i catanesi: "Siamo noi le vittime"

L’immagine del ragazzo che con una mano impugna una pistola e con l’altra una mazza da baseball ha fatto il giro del web. "Sì siamo noi nel filmato, ma noi siamo le vittime, non gli aggressori. Le mazze le avevano in mano loro, noi gliele abbiamo tolte"

Marco Dozio
San Cono, i catanesi: "Siamo noi le vittime"

Foto ANSA

L’immagine del ragazzo che con una mano impugna una pistola e con l’altra una mazza da baseball ha fatto il giro del web. "Sì siamo noi nel filmato, ma noi siamo le vittime, non gli aggressori. Le mazze le avevano in mano loro, noi gliele abbiamo tolte", con queste le parole Antonino Spitale, 18 anni, e i fratelli Giacomo e Davide Severo, 32 e 23 anni, si sono rivolti al Gip di Caltagirone Ettore Cavallaro durante l’udienza di convalida del fermo.

Si tratta dei tre ragazzi catanesi arrestati nei giorni scorsi nell'ambito delle indagini sul pestaggio di quattro egiziani di 16 e 17 anni, uno dei quali è tuttora in gravi condizioni. L’avvocato dei tre italiani, Pietro Marino, ricostruisce così la versione dei suoi assistiti. "All'uscita di San Cono – riferisce il legale - 7-8 extracomunitari hanno aggredito per futili motivi il 18enne. I due fratelli Severo stavano passando e sono intervenuti per difendere l'amico. Uno dei due, che in auto aveva una pistola per giocare a softair l'ha impugnata per farli fermare. Hanno tolto loro le mazze da baseball, ma quelli che erano rimasti erano in possesso di colli di bottiglie e pietre e li hanno aggrediti. E loro si sono difesi. Sono loro le vittime".

I tre catanesi sono stati arrestati dai carabinieri anche grazie a un video registrato da uno dei ragazzi egiziani attraverso il suo telefonino. Secondo gli investigatori l’obiettivo dell’aggressione pare fosse proprio uno dei egiziani. Gli stranieri erano alloggiati a San Cono in un centro di accoglienza per immigrati minorenni non accompagnati.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc
la "piazza " invasa dai datteri di hashish

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU