oltre lo specchio

Animali e soprannaturale nell'immaginario collettivo: retaggio mitopoietico o imperscrutabile facoltà ontogenetica?

Papa Wojtyla disse: "La Genesi ci mostra Dio che soffia sull'uomo il suo alito di vita. C'è dunque un soffio, uno spirito che assomiglia al soffio e allo spirito di Dio, e gli animali non ne sono privi"

0
Stefania Genovese

Stefania Genovese

Stefania Genovese, laureata in psicopedagogia e filosofia, ha ricevuto il premio internazionale "Zurich" dell'Università di Barcellona, per la sua tesi di laurea di indirizzo epistemologico sulla creazione dei miti moderni.

Autrice di programmi radiofonici sugli animali e curatrice di rubriche dedicate ai bambini. Ha diretto la rivista astronomica Kosmos e ha scritto numerosi articoli di divulgazione psicologica e scientifica sulle principali riviste italiane.

Animali e soprannaturale nell' immaginario collettivo: retaggio mitopoietico o imperscrutabile facoltà ontogenetica?

Quando anni fa incontrai l'etologo ed entomologo Giorgio Celli, gli chiesi, essendo lui, un esperto di felini, cosa ne pensasse delle leggende immemori che attribuivano, facoltà soprannaturali, o sorprendenti percezioni esterocettive a questi animali: presunte qualità arcane e sorprendenti che ancor oggi ammaliano molti amanti dei gatti! Mi rispose che indubbiamente il fascino del gatto, la sua capacità di orientarsi nel buio, il suo sguardo penetrante ed anche a volte introspettivamente solipsistico, ma ugualmente perspicace e pronto a mutare, celermente, da uno stato dissimulatorio ad uno attivo e guardingo, gli avevano comportatato la fama di creatura arcana e misteriosofica.


Insomma, "Historia docet"; non serve rammentare come il gatto sia stato creduto affilliarsi al diavolo nel Medioevo, o nei trascorsi fasti egiziani venisse creduto una divinità legata a culti ultraterreni. Detto ciò il sagace etologo espresse molta titubanza, giustamente, nei confronti di queste "rumours", che, a suo giudizio, erano cagionate da molte proiezioni umane verso un animale affascinante e preponderatamente libero e sfuggente, non catagorizzabile e plasmabile dall'uomo come il cane, ad esempio.  Non per niente il gatto è stato l'animale per eccellenza maggiormente antropomorfizzato che  ha conosciuto nel tempo sorti altalenanti, sempre in bilico tra  superstizioni negative, idolatria, intellettualismo artistico, e, nel contempo arcana ammirazione.


Difatti, molti studi psicoanalitici hanno dimostrato che gli animali mentre riempivano di significati l'evoluzione ed il destino materiale ed inconscio della umanità, come ombre tangibili del nostro divenire, e della  nostra mente, sembravano esserlo anche del nostro arcano trapasso verso l'aldilà. Miti e leggende in ogni epoca si susseguono, pregni di svariati animali, che  ingiustamente creduti privi del privilegiato e dell' apparentemente esclusivo soffio vitale attribuito all' uomo, presiedono gli antri  degli Inferi, sostano sulle soglie degli incubi e dei sogni, accompagnano taciti l'incedere della morte, oppure vegliano sui destini e nella storia degli esseri umani, ammantati della silente consapevolezza di un potere arcano che li rende soggetti ed artefici di uno scibile che trascende la loro stessa presenza. Detto ciò, occorre riconoscere che, ancor oggi, benchè travolto da nuovi idoli tecnologici, nelle zone rurali, prevale il retaggio della zoomorfizzazione delle qualità soprannaturali degli animali:  caratteristica, tipica di antiche forme rituali e religiose, nonchè il mito della loro trasformazione negativa, ad opera della religione  cristiana, che ha convertito le virtù simbolicamente rappresentate, in  superstizioni o in credenze malefiche (il gatto legato ai sortilegi delle streghe, o il gatto mammone e tanti altri, ad esempio).


Ma spesso gli animali paiono realmente possedere facoltà soprannaturali, poichè sembrano scrutare l'invisibile e percepire ciò che per l'uomo è impossibile sentire; infatti più volte sono stati testimoniati i loro stati di agitazione in concomitanza con l'avvento di terremoti o cataclismi naturali. A giudizio della psicologa Marzia Giacon, accanita sostenitrice della pet therapy, essi sarebbero capaci di assorbire la negatività della persona, contribuendo a farla stare meglio, sia sul piano psichico che materiale. A comprova di ciò, ha raccontato la storia di una ragazza che seguiva in terapia, quando inaspettatamente incontrò un gatto nero molto speciale, arrivato nella sua vita in un momento molto difficile. Sonia aveva tanti problemi, da cui non vedeva una via d' uscita. Era depressa, disperata. Una sera in cui era scoppiato un forte temporale, Sonia era entrata di corsa in casa, ed  improvvisamente aveva sentito un miagolio flebile, flebile, una sorta di invocazione d' aiuto che proveniva dalla sua cantina. Lei aveva esitato  per un momento, convinta di essersi sbagliata, ma il miagolio persisteva, così, scese in cantina e trovò un gattino, nero, piccolo piccolo, bagnato fradicio.


Decise di tenerlo con sè e di chiamarlo Cagliostro. Gli diede da mangiare, lo accudì ma nonostante ciò il gattino non si riprendeva. Anzi, stava sempre peggio, mentre la vicinanza del micio giovava sempre più a Sonia. Di notte dormiva tranquilla, con il gatto acciambellato al suo fianco, e aveva ripreso a  studiare, sempre con il suo micio accanto. Dopo un anno, Cagliostro  scomparve nel nulla, come volatilizzato; in seguito Sonia, che aveva  ormai risolto tutti i suoi problemi, si convinse che esso fosse un vero e proprio animale magico, venuto ad aiutarla e poi sparito insieme con  tutti i suoi guai. Recentemente a Melanie Gomez una giovane ragazza, toccata dall'epilessia sin da bambina, allergica al pelo di cane e gatto, viene regalata una maialina di nome Hamlet; l'arrivo di questa creaturina da accudire e con cui interagire desta Melanie dalla sua debilitazione e la sprona a lanciarsi nel mondo della fotografia, superando così gli stati di depressione e di sconforto dovuti alla sua malattia. Ma esempi di come i nostri amici animali fungano da taumaturgi o psicopompi sono innumerevoli.


Una signora inglese, C. Johnson aveva un gatto siamese, Zeus. L'animale si era gravemente ammalato, e per non vederlo soffrire, aveva deciso di farlo addormentare dal veterinario, ed essendo molto perplessa, si tormentò per molti giorni, domandandosi se avesse compiuto la scelta giusta. Una notte però percepì un rumore famigliare, come delle fusa, che gli ricordarono Zeus, e vide il suo micio, che, saltato sul letto, gli fermò gentilmente la  mano con le unghie, come se volesse comunicargli che la decisione di non farlo soffrire più era stata adeguata. Questo caso assomiglia molto a quello recentemente citato dalle cronache, in cui una signora anziana è venuta a mancare poco dopo la morte della sua adorata micia; la figlia di questa signora l'ha trovata come assopita accanto al giaciglio della sua inseparabile bestiola che era divenuta la sua compagna da molto tempo. Ma vi sono altri sorprendenti casi; Lucia, una informatica della Brianza mi ha riportato la storia di Percy, un gatto selvatico che dimorava presso la sua famiglia. Nonostante le cure e  l'affetto che tutti gli dedicavano, esso rimaneva sempre scostante e  diffidente benchè la sua presenza fosse sempre nel suo giardino e  nella cuccetta approntata nel garage. Un giorno Percy, ormai acciaccato  dall' età , e dalle lotte feline, scomparve e tutti ritennero fosse andato a morire lontano. Accadde tuttavia un fatto strano: in due  occasioni, Lucia sognò, sull' uscio di casa, una sua zia scomparsa  prematuramente; ella era circonfusa da una sorta di luce luminosa ma ben differente da quella tipica del Sole, ed accanto a lei ad un tratto fece  capolino anche il gatto Percy.


La zia le disse: "Sono qui venuta perchè aspetto qualcuno che conosci". E poi il sogno si interruppe: Lucia lì per lì non ci fece molto caso, ma pochi mesi dopo si ammalò  improvvisamente suo padre che morì poco tempo dopo. Da allora successe che ogni qual volta un membro della sua famiglia fosse  prossimo a mancare appariva questa zia in compagnia del gatto Percy! A questo punto  perchè non credere che anche i nostri amici animali non possano, una  volta scomparsi, trasmigrare verso un mondo ultraterreno, aspettando e congiungendosi ai loro affetti terreni? "Mia madre doveva essere sottoposta ad una invasiva operazione agli arti inferiori; io ero molto preoccupata, avevo circa sedici anni, ed il giorno precedente all'intervento mi coricai presto, piena di ansia". Così mi riferì Claudia che proseguì dicendo: "Durante la notte feci un sogno lucidissimo in cui sulla soglia della mia camera apparvero, dietro ad  una luce gialla intensissima, quasi viva, due cani; Pepi un barboncino  nero, e Gigi un pastore tedesco, di proprietà  di nostri cari amici. Questi cani erano morti alcuni anni prima ed in vita, erano stati molto  affezionati a mia madre. Spesso trascorrevamo le vacanze al mare con  loro ed io e mia madre ci intrattenevamo spesso con essi, portandoli a  fare passeggiate ed a giocare lungo il bagnasciuga. Ricordo che, nel  sogno, mi alzai verso di essi per accarezzarli; sembravano felici di vedermi ma quando mi feci più vicina, iniziarono ad indietreggiare verso la luce, quasi a volermi raccomandare di non seguirli, mentre al loro  fianco apparve quella che poi in seguito scoprii essere una anziana parente di mia madre, anch'essa deceduta da tempo, che mi parlò tranquilizzandomi riguardo il ricovero di mia madre".


Claudia si sentì sollevata e l'intervento subito della madre andò poi a buon fine. Racconti come questi non sono inusuali, ma vi sono anche indicazioni che legano gli animali a ciò che noi oggi chiamiamo fenomeni di pre-morte, vale a  dire quelle esperienze in cui un soggetto morente torna inaspettatamente dall' aldilà sostenendo di avere visto un tunnel che porta alla luce dall'altro mondo. La casistica umana raccolta da medici e anestesisti è sterminata; pochi sanno che ce ne sono alcune riferite anche ad animali, come  il caso di Andy, un simpatico cagnolino, che dall'aldilà ha fatto tornare in vita il suo padroncino di sette anni, Pete. Il bambino, mentre pescava, era caduto in acqua, sbattendo la testa su una roccia. Per i medici, dopo il suo ricovero, non ci starebbe stato più niente da fare. Ma, improvvisamente, Pete si svegliò e raccontò di aver attraversato un tunnel luminoso e di aver visto Andy il suo cagnolino scomparso tempo prima, che gli si era avvicinato e leccandogli la mano, iniziò a respingerlo indietro; dopodichè si era destato nel letto dell'Ospedale. Per Pete non era ancora il momento per andarsene. Molti animali cani e gatti, dotati di un fiuto molto sensibile in grado di percepire modificazioni fisico-chimiche nel nostro organismo, sono balzati agli onori delle cronache proprio per essersi comportati in modo tale da avvicinarsi a coloro che stavano per morire (vedi Oscar, l'Oracolo di Providence e Scamp, uno schanautzer, che si accostavano agli anziani morenti di una casa di riposo, come per confortarli).


Insomma, in alcune situazioni è così profondo il rapporto animale/uomo, che per quest'ultimo la presenza del suo ne diventa indispensabile: a volte accade che quando l'uomo muore, il suo  cane o il gatto rimangono vicino alla sua tomba, o si lasciano  morire! Secondo l'etologo D.Griffin gli animali possiedono esperienza  mentale, e consapevolezza, nonchè persino intenzionalità ed una  coscienza che consentono all' animale di regolare il proprio  comportamento. Lo psicologo J.B. Rhine, invece riferisce che esperimenti ben controllati sull'ESP degli animali confermano che essi possiedono  la capacità  di trasmettere e ricevere messaggi telepatici, avendo una  capacità  superiore ed antecedente a quella sensoriale. Alcune leggende poi riguardano anche molti pennuti: in Omero si trovano reminiscenze di una antica credenza popolare secondo la quale l' anima dei defunti assumeva le sembianze di un uccello (Iliade, XXIII, 100;  Odissea, XXIV, 16).


Secondo la leggenda, erano uccelli le anime che  volavano sopra il sepolcro di Memnone. Anche nell' antica Mesopotamia si  raffiguravano i morti sotto forma di uccelli, e nelle fiabe siriane lo  spirito di un bambino assassinato (solitamente da una matrigna gelosa),  le cui ossa sono però ricomposte e religiosamente seppellite, prende la  forma di un uccello verde. Il racconto, insolitamente, richiama un  episodio delle Metamorfosi di Ovidio (quello di Progne e Filomena  trasformate in uccelli) ed appartiene, come tema, anche alla tradizione orale nordica; è ripreso persino da Goethe nel Faust ed origina da una  credenza islamica (che risale all'epoca del profeta Maometto), secondo  cui talvolta le anime dei bambini risiederebbero, in attesa del giudizio universale, in un giardino alle porte del Paradiso, incarnate in  uccelli bianchi o verdi. Dobbiamo riconoscere che uomini e animali sono, in breve, entrambi manifestazione del principio vitale. Chi può dire con certezza che gli  animali, che oggi abitano con noi questo pianeta, nel corso  dell'evoluzione non siano diventati perciò consapevoli di avere un'anima e che  il loro cammino evolutivo non possa sopravanzare il nostro? Induisti e buddisti non  mangiano carne, perchè ritengono che anche negli animali vi sia il il soffio divino, in quanto sono anch'essi una manifestazione di Dio. Anche Padre Luigi  Lorenzetti, teologo di Famiglia cristiana, in una sua recente dichiarazione ha spalancato le porte del Paradiso agli animali, asserendo che essi "hanno ricevuto un soffio vitale da Dio, e sono  attesi anch'essi dalla vita eterna". Paolo VI disse  inoltre: "Un giorno rivedremo i nostri animali nell'eternità di Cristo", e rivolto ai medici veterinari, "Vi esprimiamo il nostro compiacimento per la cura che prestate agli animali, anch'essi creature di Dio, che  nella loro muta sofferenza sono un segno dell'universale stigma del  peccato e dell'universale attesa della redenzione finale, secondo le  misteriose parole dell'apostolo Paolo".


Indimenticabili le parole del santo Papa Giovanni Paolo II, che, nel 1990 si espresse in tali  termini: "La Genesi ci mostra Dio che soffia sull'uomo il suo alito di vita. C'è dunque un soffio, uno spirito che assomiglia al soffio e allo spirito di Dio e gli animali non ne sono privi". Dunque materialisti o scettici che possiamo essere dobbiamo però riconoscere  questo: i nostri amici animali hanno per noi un valore molto profondo  che trascende la pura materialità. Che essi siano simboli o miti che nel sogno ci offrono segnali archetipi da interpretare, o moniti e presagi, la loro importanza è tale che ormai è giusto considerarli creature simili a noi nel sentimento e nell'intelletto". Il filosofo Arthur Schopenhauer così scrive in Parerga e Paralipomena: "Chi non ha mai  avuto un cucciolo, non saprà  mai cosa significhi amare ed essere amato". Ma la citazione più esaustiva, degna di significato che induce a  riflettere non poteva che essere stata pronunziata dal celebre etologo Konrad Lorenz: "Il nostro amore per gli animali si misura dai sacrifici  che siamo pronti a fare per loro". E in realtà, dagli esempi sopra  citati possiamo ben concludere che loro, per primi, abbiano già offerto numerosi esempi di lealtà e sacrificio nei nostri confronti.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU