persino i suoi parenti lo scaricano

Il fratello di Obama tifa Trump

Malik racconta che la "profonda delusione" nell'amministrazione del fratello Barack lo ha portato tra le braccia del "partito di Lincoln". "Non ha punito la Clinton e ha sbagliato su Gheddafi"

Redazione
Il fratello di Obama tifa Trump

Il fratellastro keniano del presidente Usa Barack Obama ha scelto: vuole un'America grande di nuovo e alla Casa Bianca preferisce Donald Trump. "Mi piace Donald Trump perché parla dal cuore" ha dichiarato Malik Obama al New York Post dalla sua casa nel villaggio di Kogelo. "Make America Great Again è un grande slogan. Mi piacerebbe incontrarlo" ha detto a proposito del candidato repubblicano alla Casa Bianca. Obama, 58 anni, da tempo democratico, ha detto che la "profonda delusione" nell'amministrazione del fratello Barack lo ha portato tra le braccia del "partito di Lincoln".

La goccia che ha fatto traboccare il vaso: la decisione del direttore dell'FBI James Comey di non perseguire la candidata presidenziale democratica Hillary Clinton per l'uso di server privati per le sue mail da segretario di Stato. "Avrebbe dovuto stare più attenta essendo la custode di informazioni riservate", ha detto Obama. A Malik Obama non va giù neppure il fatto che Clinton e Obama abbiano ucciso il leader libico Muammar Gheffadi. "Penso ancora che liberarsi di Gheddafi non abbia migliorato el cose in Libia. Mio fratello e il segretario di Stato mi hanno deluso anche su questo". Obama, che ha vissuto a lungo in Maryland ed è registrato per votare nello Stato, pensa di tornare negli USA a novembre per votare per il miliardario repubblicano.

Il padre di Malik e del presidente, Barack Obama Sr., lasciò il Kenya nel 1959 quando Malik aveva un anno e la madre era incinta della sorella Auma. Obama Sr. frequentò l'università delle Hawaii, dove incontrò e sposò la madre del presidente, Stanley Ann Dunham. Malik Obama non ha incontrato il fratellastro minore fino al 1985. Il presidente ha sette fratellastri, figli dei due genitori, in varie parti del mondo.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"
"si affida porta ingresso Ue a trafficanti"

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"

Immigrati, Minniti: "La pacchia non è finita"
quella sinistra che non si rassegna

Immigrati, Minniti: "La pacchia non è finita"

Megatavolata "dem" per gli immigrati a Milano. Ma la Lega non ci sta
"quando la sinistra si accorgerà dei milanesi?"

Megatavolata "dem" per gli immigrati a Milano. Ma la Lega non ci sta

Macron fa dietrofront: ecco le scuse agli italiani
La telefonata chiarificatrice col premier Conte

Macron fa dietrofront: ecco le scuse agli italiani

Migranti: Le Pen plaude a Salvini
il capitano "ha ragione".

Immigrati, la Le Pen plaude a Salvini

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Clandestini, il Belgio: "Fare un campo profughi in Nord Africa"
se per l'Italia "Basta così" e Malta dice no, è l'unica soluzione

Clandestini, il Belgio: "Fare un campo profughi in Nord Africa"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU