La minaccia del sultano

Erdogan: "Soldi e visti facili. O vi inonderemo di immigrati"

Senza la vagonata di miliardi promessi dall’Europa e la liberalizzazione dei visti tra Ankara e Unione Europea, il presidente turco farà saltare l’accordo sugli immigrati

Marco Dozio
Erdogan: "Soldi e visti facili. O vi inonderemo di immigrati"

Foto ANSA

La minaccia di Erdogan stavolta non potrebbe essere più esplicita. Senza la vagonata di miliardi promessi dall’Europa e senza la liberalizzazione dei visti tra Ankara e Unione Europea, il presidente turco farà saltare l’accordo sugli immigrati. Tradotto, significa che farà in modo di aumentare ulteriormente il flusso di disperati. Lo ha detto a chiare lettere nel corso del vertice umanitario globale che si è tenuto lunedì e martedì a Istanbul, davanti a 55 capi di Stato e di Governo e al segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon.

Il Corriere della Sera ha raccolto le parole di una fonte vicina al leader turco: “I rappresentanti della Ue ci continuano a chiedere dove sono i progetti, come vogliamo investire questi soldi, ma noi abbiamo qui due milioni di siriani, abbiamo costruito campi, provveduto ai loro fabbisogni. Cosa dobbiamo dimostrare?” Soldi e visti, contropartite delicatissime. Erdogan sostiene di non aver mai visto i 6 miliardi di aiuti promessi dall’Europa alla Turchia per strutturare l’accoglienza. Poi come ha dimostrato un servizio della trasmissione “Piazzapulita” su La7, succede che in Turchia i bambini siriani vengano sfruttati nelle fabbriche con la compiacenza delle autorità turche, ma evidentemente nella richiesta di denaro e di visti facili questo è poco più che un dettaglio per il governo filo-islamico. “Sui visti l’Ue ci chiede altri sforzi — ha aggiunto Erdogan secondo quanto riporta Il Corriere — ma l’esenzione è stata concessa ad altri Paesi più facilmente. Ieri alla cancelliera Merkel ho chiesto: perché invece volete tutto dalla Turchia?”. La questione dei visti è legata anche alla modifica della normativa antiterrorismo, che i turchi non intendono cambiare.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La Boldrini ci taglia Internet
ma la rete non era sinonimo di libertà?

La Boldrini ci taglia Internet

Martina, un uomo per tutte le stagioni
il carisma del materassaio

Martina, un uomo per tutte le stagioni


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU