Record di immigrati da un Paese senza guerra

Eritrea, quando l'emigrazione di massa consolida il regime

Nel 2015 oltre 40.000 eritrei sono entrati in Italia. Il dittatore Afewerki è convinto che l'emigrazione di giovani maschi diminuisca il rischio di rivolte interne

Marco Dozio
Eritrea, quando l'emigrazione di massa consolida il regime

Nel 2015 circa 40mila eritrei sono immigrati in Italia, abbandonando un Paese che si svuota a ritmi record: come spiega il reportage pubblicato oggi sul Corriere della Sera, nel giro di pochi anni il 9% dei 4 milioni e mezzo di abitanti è emigrato all’estero. Dopo i siriani, gli eritrei sono il gruppo più numeroso arrivato in Europa. E così l’ex colonia italiana si ritrova più povera di prima, senza energie giovani in grado di invertire la rotta. Mediamente emigrano dal Paese circa 2mila persone al mese, in massima parte giovani maschi.

Al regime va bene così. Più uomini emigrano, minori sono le possibilità di rivolte interne. In Eritrea non c’è la guerra. Il Paese è governato da un dittatore, come succede per gran parte dell’Africa. Vige il partito unico da 25 anni, da quando il movimento di liberazione nazionale ha realizzato la secessione dall’Etiopia. Con cui i rapporti restano tesissimi anche per contese sui confini. Per questo esiste il servizio militare e obbligatorio, perenne, dai 16 anni in su. Il presidente Afewerki governa così, nella convinzione non dichiarata che l’emigrazione di massa abbia il balsamico effetto di consolidare il suo regime.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Cari immigrati, state arrivando in un Paese morente
tolo tolo. ed il migrante resta solo

Cari immigrati, state arrivando in un Paese morente

Salvini: "Il 18 a Maranello per l'Emilia Romagna"
per la chiusura della campagna elettorale

Salvini: "Il 18 a Maranello per l'Emilia Romagna"

Tav: tutto fermo, tutto tace
la lega: "maggioranza spaccata"

Tav: tutto fermo, tutto tace

Milano in movimento. E Beppe Sala fa una figuraccia
nei poster ciclisti sulle strisce pedonali

Milano in movimento. E Beppe Sala fa una figuraccia

Le Sardine vogliono il daspo per Salvini. Sardine o piranha?
CALDEROLI: "di futuri daspati tra i loro adepti ne hanno fin troppi…"

Le Sardine vogliono il daspo per Salvini. Sardine o piranha?

Clandestini? La Norvegia ci spiega come fare
grimoldi incontra il ministro della giustizia

Clandestini? La Norvegia ci spiega come fare


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU