l'invasione continua

350 "omertosi" a Crotone. Scafisti arrestati, ma i clandestini li proteggono

Della massa di migranti sbarcati nel porto calabrese, in pochissimi hanno accettato di svelare l'identità dei trafficanti di uomini. Tutti gli altri sono rimasti in silenzio

Redazione
350 "omertosi" a Crotone. Scafisti arrestati, ma i clandestini li proteggono

Foto ANSA

Altri 700 clandestini sono arrivati lunedì via mare in Italia. Gli scafisti che ne hanno condotto 350 sino al limite della coste italiane sono stati individuati e sottoposti a fermo dagli agenti della squadra mobile e dai militari della sezione navale della Guardia di Finanza di Crotone. Si tratta di tre giovani egiziani, Ahmed Salah di 22 anni, Ahmed Howeg di 27anni e Hamada Muhammad di 29 anni.

I tre sono stati accusati di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Gli investigatori hanno ascoltato fino a tarda notte molti dei migranti giunti in porto, ma soltanto alcuni sono stati disposti a fornire elementi utili all'identificazione dei tre scafisti. Dal loro racconto si è appreso che i migranti, dopo una lunga attesa, sono salpati da una spiaggia sita nei pressi di Alessandria d'Egitto, nella notte del 12 maggio scorso, a bordo di un gommone con il quale sono stati successivamente trasferiti su uno yacht, condotto con diversi ruoli dai tre egiziani.


L'imbarcazione è stata successivamente soccorsa dalla motonave "Tana Sea", battente bandiera liberiana, che ha poi trasbordato i profughi sul pattugliatore "Monte Sperone". Mentre un gambiano di 19 anni, Salifu Drammeh, e un senegalese di 22, Oumar Traore, sono stai fermati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina perchè ritenuti due degli scafisti di uno dei gommoni soccorsi nel Canale di Sicilia con a bordo altri 394 migranti, sbarcati l'altro ieri a Catania dalla nave della marina militare irlandese L. E. Roisin. Per un totale di 700 clandestini in un solo giorno.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU