la democrazia è morta a bruxelles!

L'ultima vergogna! Il "Grande Fratello" Ue ha schedato i populisti!

Grimoldi: "Con i soldi dei contribuenti europei il Consiglio d’Europa ha schedato, con un’inquietante attività di dossieraggio, tutti i parlamentari appartenenti a formazioni politiche "scomode"

Alfredo Lissoni
L'ultima vergogna! Il "Grande Fratello" Ue ha schedato i populisti!

"Siamo oltre ogni limite. Incredibilmente il Consiglio d’Europa alla vigilia del voto europeo ha bocciato la nascita del nostro nuovo gruppo 'nuovi democratici europei/Europa delle nazioni e delle libertà' in quanto hanno stabilito che alcuni membri del nostro gruppo avrebbero espresso - in particolare sui social media - posizioni che non sono in linea con i valori del Consiglio d'Europa". Lo afferma l’on. Paolo Grimoldi, vice presidente della Commissione Esteri della Camera e deputato della Lega e componente della delegazione parlamentare italiana presso il Consiglio d’Europa.

Che continua: "Verrebbe da dire che non ci stupiamo dopo aver scoperto, un mese fa, che con i soldi dei contribuenti europei il Consiglio d’Europa ha schedato, con un’inquietante attività di dossieraggio, tutti i parlamentari appartenenti a formazioni politiche ‘scomode’ per i burocrati europei. Ovvero la Lega, Freiheitliche Partei Osterreichs, Alternative for Deutschland, Front National, con specifiche schedature non solo dei movimenti ma anche dei loro esponenti, come Marine Le Pen (FN), Martin Graf (FPO), Ulrich Oehme (ADF) e tra i leghisti il sottoscritto. Tutti accusati di essere populisti, razzisti o xenofobi. Questo è stato il cavillo per bloccare la nascita del nostro nuovo gruppo".

"Tra l’altro annunciato trionfalmente dalla parlamentare del Partito Pirata (!!!) islandese Sunna Aevarsdottir che si è definita fiera della nostra esclusione. Il partito Pirata, ma capite con chi abbiamo a che fare? Siamo di fronte ad un enorme vulnus democratico, aggravato dal fatto che sono state spese risorse dei contributi ed energie per assemblare un dossier ad hoc, in spregio ad ogni regola democratica e al concetto elementare di libertà di espressione alla base teorica di questa Europa".

"A questo punto prendiamo atto e aspettiamo che lo tsunami del voto di domenica travolga e spazzi via questi tecnocrati che vogliono bloccare il cambiamento. Nella prossima seduta del Consiglio d’Europa, forti del travolgente consenso che otterremo domenica alle urne, ripresenteremo la domanda per il nostro nuovo gruppo e manderemo a casa questa gente. Perché non è questa l’Europa che vogliono i cittadini, un’Europa che sacrifica il diritto alla libertà di espressione e di libera opinione sull’altare della salvezza delle poltrone di pochi singoli. Domenica si cambia, anche nel Consiglio d’Europa. Perché a decidere sono i cittadini, non i burocrati".



LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Si aprono i porti ma si chiudono le piazze. Ok. È tutto bellissimo
Fd’I e Lega in piazza a Montecitorio: "Ladri di sovranità, ridateci l'Italia"

Si aprono i porti ma si chiudono le piazze. Ok. È tutto bellissimo

Rosica-Serracchiani: "Salvini in piazza al traino di Meloni"
pd infastidito dal successo di piazza del capitano

Rosica-Serracchiani: "Salvini in piazza al traino di Meloni"

Una poltrona per due...mila
governo mazinga, c'è posto per tutti

Una poltrona per due...mila


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU